Lost 3×07 – Non a Portland

15 01 2008

 

Titolo originale: Not in Portland

Data originale di tramissione: 7 Febbraio 2007

Scritto da: Carlton Cuse e Jeff Pinkner

Diretto da: Stephen Williams

Centric: Juliet

Promo: http://it.youtube.com/watch?v=LwmwcJI8wsA

Riassunto: Lost-central

Fatti salienti:

– Jack si rifiuta di terminare l’intervento finchè non saprà Kate e Sawyer al sicuro e di ritorno alla loro isola;

– Kate e Sawyer, privi di una barca per lasciare l’isolotto, sono costretti a fuggire da Pickett e dagli Altri;

– Alex interviene provvidenzialmente in aiuto dei due fuggitivi; in cambio di un passaggio in barca chiede aiuto per liberare Carl;

– Kate, Sawyer e Alex riescono a liberare Carl, che si trovava nella “Stanza 23” per essere sottoposto a un trattamento da lavaggio del cervello;

– Ben si risveglia in sala operatoria ad intervento in corso, e viene a conoscenza dell’intenzione di Juliet di ucciderlo. Chiede allora a Jack di continuare l’intervento: in cambio, Kate e Sawyer vengono lasciati liberi;

– Tuttavia Pickett disobbedisce agli ordini di Juliet e Ben e raggiunge Kate e Sawyer sulla riva: prima che sia troppo tardi, interviene Juliet, uccidendolo;

– Jack, una volta avuta la conferma della fuga dei due compagni, porta a termine l’intervento, superando anche alcune difficoltà incorse durante l’operazione;

– Kate, Sawyer e Carl lasciano l’isolotto sulla barca di Alex, la figlia della Rousseau viene trattenuta da Juliet per dare spiegazioni a Ben, suo padre. Jack invita Kate a non tornare indietro a cercarlo.

.

Spunti di riflessione:

 

COLPO DI SHEENA Nella sala operatori dell’Hydra, la vita di Ben è appesa a un filo: Jack minaccia di lasciarlo morire se i suoi compagni non saranno liberati. Sawyer e Kate nel frattempo sono in fuga, ma vista la mancanza di una barca per lasciare l’isolotto sono costretti a scappare da Pickett e dai suoi scagnozzi. Fortuna per loro che interviene Alex, che li mette al sicuro in una buca scavata e nascosta nel terreno.

.

 

DISOBBEDIENTE Alex (che, a detta di Juliet, era stata “portata a casa” la notte precedente) è tornata sull’isolotto dell’Hydra: in barca? Sfruttando gli ipotetici condotti sotterranei che collegano tutte le stazioni Dharma? Non lo sappiamo.

.

ESPOSITO Ormai non c’è più dubbio: Alex è la figlia di Ben. Ma è sua figlia biologica? Quel che è certo è che è figlia della Rousseau (se crediamo alla Francese, certo una somiglianza c’è) e che è stata rapita in fasce dagli Altri. Non sappiamo se la Rousseau l’abbia concepita con Ben (e quindi ne sia la figlia naturale) o se Ben l’abbia “adottata” facendole credere di essere suo padre. La Rousseau ha affermato che il padre della sua bambina era un membro della sua stessa spedizione che giunse sull’isola: si chiamava Robert e sarebbe morto ucciso dalla Rousseau (perchè “contagiato”).

.

 

ALDO?! Alex promette la propria barca ai due fuggitivi in cambio di aiuto per liberare Carl (che evidentemente non è morto, come aveva enfaticamente detto la stessa ragazza il giorno prima). Carl è rinchiuso in una struttura facente parte dell’Hydra: a fare da guardia c’è uno degli Altri, Aldo.

.

 

LA STANZA 23 Sbarazzatisi facilmente di Aldo, i tre riescono ad accedere all’edificio: Carl è imprigionato nella stanza 23, dove sta subendo una sorta di lavaggio del cervello: legato a una sedia, è costretto a vedere un filmato psichedelico in cui le immagini e le scritte scorrono ad elevata velocità, accompagnate da una musica assordante.

.

 

PSYCHO Il video ha qualcosa di inquietante e al tempo stesso di seduttivo: anche Sawyer resta imbambolato per qualche istante davanti allo schermo.

.

 

RIEDUCAZIONE Perchè gli Altri stanno “torturando” in questo modo Carl? Si tratta di un lavaggio del cervello per appianarne gli istinti ribelli e integrarlo pienamente nella comunità? E forse anche i bambini e i codisti rapiti sono stati sottoposti a un trattamento simile? Certo pare che sia Ben ad avercela in modo particolare con il fidanzato della figlia: Juliet impedisce ad Alex di aggregarsi ai tre della barca proprio per evitare ritorsioni sul ragazzo da parte di Ben.

. 

GIACOBBE Tra le scritte che compaiono sullo schermo, “Tutto cambia”, “Pensa alla tua vita”, “Noi siamo la causa delle nostre stesse sofferenze” e “Dio ti ama come ama Jacob [Giacobbe]”: ancora un riferimento a questo misterioso Jacob, che conosciamo fin qui come autore dell’omonima lista.

.

 

MULTIUSO L’esistenza della stanza 23 all’interno dell’Hydra rimette un po’ in gioco lo scopo di questa stazione del progetto Dharma: la presenza delle gabbie lasciava ipotizzare il progetto sulla zoologia, ma nondimeno sull’isolotto si trovano anche una sala operatoria, un edificio che contiene la stanza 23, delle strutture per i dipendenti (le docce dove Kate si è risvegliata) e una “sala regia” dotata di monitor; senza dimenticare che gli Altri stanno lavorando a qualcosa, ancora non specificato, sull’isolotto.

.

 

CUCU’ Mentre Jack sta portando avanti il proprio tentativo rivoluzionario, Ben si sveglia sul tavolo operatorio: questo è possibile poichè a fare l’anestesia è stato Jack, che anestesista non è.

.

 

CHI, IO? Ben si risveglia in tempo per ascoltare la rivelazione di Jack, che svela la richiesta di Juliet di uccidere il leader degli Altri nel corso dell’operazione fingendo si trattasse di un incidente. Juliet, a questo punto, nega tutte le accuse (e avvia la caccia a Sawyer e Kate), mostrandosi consumata doppiogiochista. Insomma, non abbiamo ancora capito da che parte sta.

.

 

ADDIO, DANNY Juliet, in effetti, pare da un lato succube di Ben, mentre dall’altro si mostra chiaramente scontenta della situazione che è costretta a vivere. Per questo motivo, giunge perfino ad uccidere un Pickett accecato dall’odio: è il primo caso di un other ucciso da un altro other (si ricordi la frase di Sawyer: “Queste persone non si ammazzano tra di loro”). Quali saranno le conseguenze del gesto di Juliet una volta terminata l’emergenza all’interno della comunità degli Altri? “Noi non siamo assassini”, ama ripetere Ben.

.

 

FORESTIERA Juliet rivela a Jack di essere sull’isola da 3 anni, 2 mesi e 28 giorni: dunque non è nata sull’isola (come Ben e Alex) ma vi è stata portata da Miami, sua città.

.

 

ETICA PHONETIKA Prima di giungere sull’isola, Juliet lavorava come ricercatrice medica nell’azienda diretta dal suo ex marito, Edmund Burke. Le sue ricerche sulla fertilità erano molto avanzate: si dice che è riuscita ad fecondare un topo maschio (che poi ha abortito) e lo stesso Edmund le ricorda che le sue sperimentazioni potrebbero sollevare importanti “questioni etiche”.

.

 

EX MARITO Edmund Burke, dunque: dopo John Locke, Rousseau, (Desmond) David Hume ecco un altro filosofo.

.

 

CICOGNA C’è però un’altra ricerca che Juliet porta avanti di nascosto, nel flashback: sta tentando di generare una gravidanza nella propria sorella, Rachel, gravemente malata, e alla fine ci riuscirà (ma la gravidanza potrebbe essere messa a rischio dalla malattia: come si può intuire dal suo aspetto, Rachel si sottopone a chemioterapia).

.

 

FLACONI Per fare ciò, Juliet si serve di campioni di liquido che preleva direttamente dal magazzino della azienda per cui lavora (e sarà scoperta e ricattata dal suo ex marito): le boccette sembrano molto simili al vaccino che Desmond si iniettava nel bunker.

.

 

CONTATTI Juliet è contattata da una società che intende assumerla come ricercatrice nel campo della fertilità: si tratta della Mittelos Bioscience, che ha sede a Portland. Il capo (o comunque colui che la rappresenta) è Richard Alpert.

.

 

FREE LIFE Nel corso del colloquio di lavoro, Alpert mostra a Juliet una serie di diapositive che mostrano la vita idillica, immersa nella natura, dei dipendenti della Mittelos: col senno di poi, si potrebbe pensare che siano immagini dell’isola (del resto la flora appare simile), ma non ne abbiamo la conferma.

.

 

ANOMALIE Sempre in sede di colloquio lavorativo, Alpert mostra a Juliet le radiografie di un utero umano di una donna di 27 anni, che però appare invecchiato a tal punto che Juliet lo attribuisce a una 70enne. A chi appartiene quell’utero? Forse a una nostra conoscenza? E cosa è successo a questa persona? E perchè la Mittelos vuole indagare su questa cosa con l’aiuto di Juliet?

.

 

SPECIAL Alpert dice a Juliet di voler assumere proprio lei perchè “è speciale”: proprio come erano stati definiti sia Walt sia Locke. Che cos’ha di speciale Juliet? Soltanto le ricerche che porta avanti?

.

 

FINAL DESTINATION O forse Juliet ha addirittura qualche potere? Suo marito viene investito da un autobus in corsa, proprio come lei si era augurata che potesse succedere: ricorda molto le capacità di Walt (pensa a un uccello e lo fa sbattere contro la finestra).

.

 

SU COMMISSIONE Del resto possiamo anche pensare che l’investimento di Edmund Burke non sia l’avverarsi di un desiderio di Juliet, ma addirittura un omicidio commissionato dalla stessa Mittelos Bioscience: nel corso del colloquio, Juliet aveva declinato la proposta di Alpert adducendo come principale causa il suo ex marito e la sua influenza su di lei. Ecco che, eliminato Burke, si concretizza per Alpert la possibilità di avere Juliet al proprio servizio. E la Mittelos Bioscience appare abbastanza potente da poterselo permettere. Tuttavia c’è una facile obiezione: ci sono molti modi più sicuri di un autobus per eliminare una persona e farlo sembrare un incidente.

.

 

PREZZEMOLINO Richard Alpert è affiancato nella sua opera di convincimento da una vecchia conoscenza: Ethan, l’other che si era infiltrato fra i naufraghi e che ha rapito Claire prima di essere ucciso da Charlie. Non sappiamo se Ethan dovesse ancora recarsi sull’isola o se si trovasse solo provvisoriamente nel mondo “esterno” (magari è un nativo, come Ben); quel che è certo è che l’isola, in qualche modo, può essere raggiunta (il famoso “incidente” dovrebbe essere già avvenuto, quindi l’anomala attività elettromagnetica dell’isola è già a pieno regime): ma in quale modo?

.

 

COLLEGHI Alpert presenta Ethan a Juliet come “un mio collega”: anche Alpert, dunque, è medico (l’ipotesi è che Ethan sia ginecologo, ma non lo sappiamo con certezza)?

.

 

SULLE TRACCE Ad inizio puntata, vediamo Ethan che sembra pedinare Juliet: evidentemente raccoglie informazioni su di lei per conto della Mittelos Bioscience.

.

 

DIETRO L’ANGOLO Dunque Juliet viene reclutata (oppure scelta perchè “speciale”) dalla Mittelos Bioscience per portare avanti ricerche con “piena libertà e fondi” in un luogo “isolato” che non è “proprio a Portland…”: tutto lascia pensare che questo posto sia l’isola su cui ora Juliet si trova.

.

6 MESI Alpert offre a Juliet un periodo di ricerca della durata di 6 mesi, che le consenta anche di tornare in tempo per il termine della gravidanza di Rachel. Eppure, Juliet ha trascorso sull’isola, ad oggi, 3 anni, 2 mesi e 28 giorni. Perchè il periodo di permanenza si è prolungato così tanto? Juliet ha fatto qualcosa che non doveva fare? La sua presenza si è resa indispensabile? Oppure i 6 mesi erano una menzogna per convincerla ad accettare?

.

PROBLEMI DI COPPIA? Perchè la Mittelos Bioscience recluta delle persone per inviarle sull’isola nella comunità degli Altri (potrebbe essere stato così anche per Ethan, ad esempio)? E’ interessante notare che Juliet è un medico esperto in fertilità, e le lastre che le vengono mostrate (l’utero invecchiato) potrebbero appartenere ad una degli Altri. Anche il fatto che gli Altri bramino i bambini e li rapiscano potrebbe significare che hanno problemi a garantire la successione della prole.

.

 

LUI Come si presumeva, c’è dunque qualcuno nel mondo esterno che tiene le redini di tutto quanto: nello specifico la Mittelos Bioscience e Alpert, ma questo potrebbe non essere il vertice della piramide (e di conseguenza, Ben non è a capo di tutto). E non dimentichiamo che c’è ancora un misterioso “Lui” e un altrettanto ineffabile Jacob (i due potrebbero anche coincidere).

. 

 

IL PROGETTO DHARMA E’ possibile che la Mittelos abbia a che fare con il progetto Dharma? Le modalità di “reclutamento” descritte da Kelvin (ex compagno di Desmond nel Cigno) sembrano simili a quelle di Alpert. Tuttavia sappiamo anche (dalla Lost Experience) che il progetto Dharma è stato definitivamente abbandonato (e i fondi tagliati) nel 1987: la Mittelos potrebbe essere subentrata alla Hanso Foundation nella direzione dell’iniziativa (v. i rifornimenti che continuano ad arrivare sull’isola; v. Kelvin che è reclutato dopo il 1991, anno in cui combatte nella guerra del Golfo)? In realtà bisogna precisare che la Mittelos recluta Juliet appositamente per gli Altri (ce lo conferma la presenza di Ethan), dunque non per lavorare in una delle stazioni Dharma (che gli Altri usano perchè abbandonate: l’unica funzionante, per ora, era il Cigno). Gli stessi others sembrano sapere poco di tutto quello che accade all’interno del Cigno.

. 

NUOVA VITA Vi ricordate di Nadia, la donna amata da Sayid? La Cia lo ha messo al corrente che ora l’Irachena vive in America e lavora per una azienda di prodotti clinici: che abbia qualcosa a che fare proprio con la Mittelos?

.

 

COME COMPLICARSI LA VITA La presenza di Ethan nel mondo “esterno” potrebbe significare che gli Altri possono lasciare e raggiungere l’isola quando vogliono (è quello che ha affermato anche Ben, nell’episodio 3×02). Perchè allora Ben non è andato a farsi operare nel mondo “esterno”, invece che rapire un chirurgo spinale precipitato sull’isola? E’ la domanda che Jack rivolge a Tom. Purtroppo la risposta si interrompe troppo presto: “Da quando il cielo è diventato viola noi…”. Tom probabilmente si riferisce agli effetti del Failsafe (la chiave di sicurezza usata da Desmond nel bunker per annullare la carica magnetica), che avrebbe interrotto le comunicazioni con il mondo esterno e quindi impedito a Ben di lasciare l’isola. Tuttavia il leader degli Altri ha scoperto di avere un tumore il 20 Settembre 2004, mentre il Failsafe è avvenuto il 27 Novembre: perchè nei due mesi e passa che ha avuto a disposizione, Ben non è andato nel mondo esterno a farsi operare? Forse non voleva abbandonare i suoi in una situazione di emergenza (intrusi piovuti dal cielo sulla loro isola), forse non sapeva che i tempi fossero così ristretti (quando Jack gli comunica che “il tumore è al limite dell’inoperabile” sembra realmente sorpreso), forse sperava di cavarsela sfruttando Jack (come poi fa), forse ancora non è vero che gli Altri (o Ben, nello specifico) possono lasciare l’isola.

. 

 

IL CANTDOWN DEL CIGNO Si è detto di come gli Altri, fatta eccezione forse per Ben, sembrino non conoscere il Failsafe (si notino le loro espressioni al Palaferry) e le sue conseguenze nocive. I danni che esso causa alle loro comunicazioni fanno pensare che gli others dovrebbero attribuire molta importanza al lavoro che si svolge nel Cigno: se il codice non viene inserito e il countdown scade, si genere un Collasso di sistema che può essere azzerato solo con il Failsafe, cioè con la causa degli inconvenienti attuali subiti dagli Altri. Perchè, allora, tutto questo disinteresse (o ignoranza) su ciò che succedeva all’interno del Cigno? Addirittura Ben, una volta intrufolatosi sotto le mentite spoglie di Henry Gale, tenta di convincere Locke a non premere il pulsante. A che scopo?

.

 

C’ERA UNA VOLTA… Jack riesce a portare a termine l’operazione di Ben anche grazie al coraggio che Kate e la storia che gli racconta via radio gli infondono (è la storia raccontata da Jack a Kate nel giorno in cui si sono incontrati per la prima volta, subito dopo lo schianto). E’ probabile che Jack voglia sentire da Kate, come prova che lei e Sawyer sono al sicuro, proprio quella storia perchè i due sono i soli a saperla (e Kate non potrebbe raccontarla sotto minaccia).

.

 

PROMESSE Dopo l’operazione, Juliet rivela a Jack ciò che Ben le ha detto quando i due si sono parlati a quattr’occhi in sala operatorio: Ben le ha promesso di riportarla a casa. Esattamente la stessa promessa fatta, qualche giorno prima, a Jack. Ora Ben rispetterà entrambe le parole date, oppure il patto con Juliet annulla quello precedente con Jack? Del resto, se Juliet se ne andrà dall’isola, chi meglio di un dottore e uomo carismatico come Jack potrebbe sostituirla presso gli others?

.


QUANDO I tanti avvenimenti di quest’episodio sono tutti molto ravvicinati. Siamo ancora al 3 Dicembre 2004 (73esimo giorno dallo schianto): dopo aver interrotto l’operazione, Jack nel giro di un’ora toglie il tumore di Ben; nel frattempo, Sawyer e Kate liberano Carl e reiscono a fuggire in barca grazie all’aiuto di Alex e Juliet (dopo 6 giorni di prigionia).
Il flashback è ambientato nel 2001: Juliet viene contattata dalla Mittelos Bioscience, sua sorella Rachel rimane incinta e il suo ex marito muore travolto da un autobus. Se Juliet è sull’isola da 3 anni, 2 mesi e 28 giorni, significa che vi è arrivata il 5 Settembre 2001.

.

DOVE I fatti di questo episodio sono tutti ambientati sull’isolotto dove si trova l’Hydra, dal quale alla fine Kate e Sawyer riescono a fuggire. Il flashback di Juliet è ambientato non a Portland, ma a Miami.

 

.

Curiosità:.


 

PRIMA DEL DISASTRO La scena iniziale (Juliet che percorre un corridoio tetro per entrare nella stanza della sorella) pare ambientata sull’isola: non appena Juliet apre le tende, invece, scopriamo di trovarci a Miami, presumibilmente vicino all’aeroporto. Proprio in quel momento, infatti, passa un aereo in fase di decollo. Un aereo marchiato Oceanic. 

.

 

 

NUMBERS Quando è sotto i ferri, Ben ci regala un battito cardiaco di 108 pulsazioni.

.

 

D’AUTORE Sono molte le citazioni cinematografiche in questo episodio: “Arancia Meccanica” per la stanza 23, “Final Destination” per la morte di Edmund Burke, “Star Wars” per la cella 23 e per la “storia del prigioniero” (così Sawyer chiama il trucco con cui hanno ingannato Aldo: nondimeno questo potrebbe essere anche un riferimento al “Dilemma del prigioniero”, parte fondamentale della Teoria dei giochi). Infine, Rachel è, nella Bibbia, la moglie prediletta di Giacobbe (Jacob), anche lei affetta da problemi di fertilità (fino all’intervento divino); e nel filmato della Stanza 23 compare una statua del Buddha e una frase tratta dal testo sacro “Dhammapada” (“Plant a good seed and you will joyfully gather fruit”) .

.

 

COMPARSATA Nel video della Stanza 23 compaiono anche alcuni protagonisti dei filmati Orientamento (legati al progetto Dharma): Gerald de Groot (ideatore del progetto) e Alvar Hanso.

.

 

SCHIAVI Provate a vedere il video della Stanza 23 alla rovescia, e tendete bene l’orecchio: sentirete la frase “Only fools are enslaved by time and space”, ovvero “Solo gli stolti sono schiavi di tempo e spazio”.

.

 

A PROPOSITO DI TEMPO… Il libro che Aldo sta leggendo è “A brief history of time”, di Stepen Hawking. Qui trovate informazioni sul libro.

.

 

A TEMPO PERSO… Il nome Mittelos è l’anagramma di “Lost time”.

.

navale.jpg

REGATA Nell’ufficio di Edmund Burke è presente un trofeo di una competizione navale: potrebbe essere in qualche modo collegato alla regata che ha portato Desmond sull’isola?

.

 apollo.jpg

APOLLO Edmund Burke viene travolto da un autobus che ha sulla fiancata la pubblicità dell’Apollo Bars, barretta al cioccolato trovata da Kate nella dispensa del Cigno (episodio 2×03) e protagonista anche della Lost Experience.

.

 

DOLCE ATTESA Il test di gravidanza di Rachel è con ogni probabilità (come quelli di Kate e Sun) della Widmore Corporation, di proprietà del padre di Penelope, Charles Widmore.

.

3 MINUTI Jack concede a Ben tre minuti per parlare con Juliet in privato: proprio come Bea Klugh (a proposito, chissà che fine avrà fatto) aveva fatto con Michael e Walt.

.

 

“ALTRA” SPONDA Gli autori hanno rivelato che uno degli Altri potrebbe essere gay. Gli indizi portano tutti a Tom che, oltre a rivelarsi molto più bonaccione che in passato (rapì Walt e Michael e minacciò i naufraghi alla linea di confine), si presenta con galanteria a Jack.

.

 

LA COPPIA SCOPPIA Invece l’affermazione di Tom “Hanno avuto una storia” riferita a Juliet e Ben è un (grave) errore di traduzione e adattamento: in originale, Toma dice “They’ve got history”, cioè “Hanno già avuto dei contrasti, degli scontri”. Non c’è nessun riferimento a una relazione amorosa tra i due.

 

 

.


.


   

  

.
Frasi da ricordare:

Juliet: Non siamo obbligate a continuare…
Rachel: Juliet, dici così perchè non funzionerà o perchè hai paura che lui lo scopra?

Rachel: Ah!
Juliet: Fatto.
Rachel: E tu saresti un medico?
Juliet: Non lo sto facendo come medico, lo sto facendo come sorella.

Rachel: Mi piace abitare sulla spiaggia…
Juliet: Siamo a Miami, Rachel… tutto è sulla spiaggia.

Jack: Avete un’ora di vantaggio prima che comincino a inseguirvi. Prendi la radio, prendi Sawyer, e vai!

Tom: Juliet, ferma l’emorragia e ricucilo!
Jack: Non è un chirurgo, non è in grado di farlo.
Juliet: Ha ragione.
Jack: Allora che suggerisci di fare?
Juliet: Chiama Danny. Trovate la Austen e Ford, e riportateli qui.
Jack: No! Fatelo, e Ben non sopravvivrà.
Juliet: Vai!
Jack: Credi che stia mentendo? Credi sia tutto un bluff? Io lo lascerò morire!
Juliet: No, Jack, tu non lo farai. Vai, riportali qui! E se sarà necessario, uccidili.

Juliet: Hai fatto male i calcoli, Jack, il tuo piano non può funzionare.
Jack: Ah sì, e come mai?
Juliet: I tuoi amici non riusciranno a tornare al campo perchè questa non è la vostra isola. Siamo su un’isola più piccola,  a due miglia dalla vostra.
Tom: Temo sia così…
Juliet: Quindi perchè non cerchiamo di trovare insieme una soluzione pacifica?
Jack: Una soluzione pacifica?
Juliet: Sì, esatto.
Jack: Lo chiami pacifico chiedere di uccidere Ben sul tavolo operatorio? “Fallo sembrare un incidente”!
Juliet: E’ ridicolo…
Jack: Lei vuole che Ben muoia!
Juliet: Tom, sta mentendo!
Jack: Ha detto che se l’avessi fatto si sarebbe impegnata a proteggermi!
Juliet: Non so quale sia il tuo scopo…
Tom: Ora basta! Juliet, va’ via.
Juliet: Tom, sta mentendo!
Tom: Hai detto che non sei capace a ricucirlo, non serve che tu stia qui allora… Fuori, Juliet.
Juliet: Non farti imbrogliare: lui non lascerebbe mai morire un paziente.

Kate: Ci serve una barca!
Sawyer: Sì, e un paio di asciugamani e un cestino da picnic…
Kate: Lungo la spiaggia ce ne dev’essere una: loro come fanno a andare avanti e indietro?
Sawyer: Perchè non ci fermiamo a chiedere spiegazioni?

Sawyer: Piacere di conoscerti, Sheena!

Tom: E’ vero?
Jack: Che cosa?
Tom: Quello che hai detto. Juliet ti ha chiesto veramente di ucciderlo?
Jack: Sì… e tra 40 minuti il suo desiderio si avvererà.
Ben: Ehi… questo… non… servirà… a niente. Ora… qualcuno potrebbe andare a chiamare Juliet?

Amante di Edmund: Juliet… Edmund vuole vederti nel suo ufficio.
Juliet: Tu lavori qui?
Amante di Edmund: Sono la nuova assistente alla ricerca.
Juliet: Sì, naturalmente.

Edmund Burke: Voglio entrarci.
Juliet: Entrare in che cosa?
Edmund Burke: So che stai facendo, Juliet.
Juliet: Non capisco di che cosa stai…
Edmund Burke: Ho letto i tuoi appunti. So che cosa hai preso dal laboratorio, l’unica cosa che non so è chi è la tua cavia…
Juliet: Senti, io ho svolto questa ricerca nel mio laboratorio, e fuori dall’orario di lavoro. Non vedo proprio come tu possa pretendere…
Edmund Burke: E’ tua sorella, vero? Senti Juliet, questa storia può andare in due modi: uno è che la tua ricerca sia potenzialmente geniale e l’altro è che finisca per sollevare delle serie questioni etiche… forse persino dei risvolti criminali. Ma se tu collaborerai con me… grazie alla mia reputazione tutto questo sarà considerato innovazione scientifica, e insieme noi vinceremo premi e berremo champagne… e faremo qualcosa di buono per la gente. Ti lascio un po’ di tempo per pensarci.

Tom: Juliet, Ben si è svegliato.
Juliet: Come?!
Tom: Shephard dice che lui è un neurochirurgo, non un anestesista…

Sawyer: E’ un tuo hobby, Sheena, scavare buche?
Alex: Sì, e mi piace anche intrecciare canestri, ne vuoi uno?
Sawyer: Hai una galleria per la terra ferma?
Alex: No, però ho una barca.
Kate: Possiamo usarla?
Alex: Sì, ma dobbiamo sbrigarci.
Sawyer: Aspetta un attimo, sorella! Ci hai trovati per caso nella giungla e per caso hai una barca che ci lasci usare?
Alex: Dobbiamo fare una cosa prima…
Sawyer: Ah, lo sapevo…
Alex: Il mio ragazzo è stato imprigionato. Se mi aiutate a salvarlo vi prometto che vi riporterò sull’altra isola.
Sawyer: Il tuo ragazzo… per caso si chiama Carl?
Alex: Sì…
Sawyer: Ah… andiamo!

Jack: Ho interrotto l’intervento.
Ben: Lo so, è già qualche minuto che sento quello che dite… Sei stato molto furbo, avrei dovuto prevederlo…
Jack: Senti dolore? Posso…?
Ben: No… ma ti ringrazio comunque. Vorrei parlare da solo con Juliet, per favore.
Jack: No… No, mi dispiace.
Ben: Ti prego, te lo sto chiedendo da gentiluomo a gentiluomo… Non cambia niente se mi concedi tre minuti, giusto? Sapendo che me ne restano solo ventisette…
Jack: Se lo tocchi, se provi a…
Juliet: Non lo farò.
Jack: Avete tre minuti.

Tom: Io mi chiamo Tom, a proposito. Hanno avuto una storia.

Juliet: Vorrei che tu tornassi là dentro, lo addormentassi e finissi l’intervento.
Jack: Per quale motivo dovrei farlo?
Juliet: Perchè così aiuterò i tuoi amici a scappare.

Alpert: Grazie per averci dato modo di farle la nostra proposta, dottoressa Burke. Mittelos Bioscience ha sede nell’oregon, appena fuori Portland. Ah… queste foto le sembreranno esagerate, ma i nostri dipendenti sono davvero felici, e sa perchè? Perchè lavoriamo con fondi privati, e questo significa libertà. Ogni settimana organizziamo delle escursioni nei dintorni di Portland… ci sono luoghi incantevoli per le passeggiate, il rafting e il ciclismo.
Juliet: Senta, quando lei… quando la sua azienda mi ha contattata mi ha fatto piacere, ma… non capisco perchè vogliate me…
Alpert: Be’, è vero che è riuscita a fecondare un maschio di topo di campagna?
Juliet: Sì, ma poi ha abortito…
Alpert: Mi permette di farle una domanda?
Juliet: Dica pure.
Alpert: Che cosa vede?
Juliet: Be’… è chiaramente un utero umano. A giudicare dall’involuzione dell’endometrio la donna doveva avere più di settant’anni, secondo me.
Alpert: In realtà ne ha 26.
Juliet: Che cosa le è successo?
Alpert: E se le dicessi che avrà piena libertà e fondi per scoprirlo? Noi crediamo che lei sia speciale, dottoressa Burke, e vogliamo metterla a capo di un’equipe altamente qualificata perchè pensiamo che sia la persona giusta.
Juliet: Non posso…
Alpert: Perchè non può?
Juliet: Il mio ex marito non me lo permetterebbe.
Alpert: Non vorrebbe che lei abbia questa opportunità?
Juliet: No, non vuole che io abbia nulla, non darebbe mai il suo consenso, è…
Alpert: Forse potremmo provare a parlargli noi.
Juliet: E’ inutile.
Alpert: Ci dev’essere un modo per convincerlo, se venisse…
Juliet: Se venisse investito da un autobus, che ne dice? Quello funzionerebbe… Sono stata del tutto inopportuna…
Alpert: No, no, no…
Juliet: No, io… scusi, le ho fatto perdere tempo.
Alpert: Dottoressa Burke, la prego, lei non…
Juliet: No, mi dispiace. Qualsiasi cosa lei pensi io sia… non lo sono. Non sono speciale, signor Alpert… sono un disastro.

Kate: Conosci la guardia?
Alex: Sì, si chiama Aldo.
Sawyer: Aldo?! D’accordo, lecca-lecca, sai dirmi come faremo a sopraffarlo con una pistola scarica?
Kate: Io ho un’idea…
Sawyer: … naturalmente…

Sawyer: Non avercela con me se sei stato così sciocco da credere alla storia del prigioniero…

Sawyer: Ottimo trucco, lentiggini, ha quasi creduto che gli avresti sparato!
Kate: Non era un trucco!

Juliet: Danny! Li lasciamo andare.
Pickett: Li lasciamo andare?
Juliet: L’ha ordinato Ben.
Pickett: Ben è sotto i ferri, l’ho visto io!
Juliet: Sì, ma si è svegliato.
Pickett: Oh, si è svegliato eh?
Juliet: Shephard non concluderà l’intervento se i suoi amici non lasceranno l’isola. Vuoi che Ben muoia?
Pickett: So che Ben preferirebbe morire piuttosto che lasciarli andare!

Rachel: Ciao. Come è andato il colloquio?
Juliet: Oh.. non fa per me.
Rachel: Che cosa?
Juliet: Davvero… E comunque sarebbe troppo lontano Portland.
Rachel: Non avrai rifiutato a causa mia, vero?
Juliet: No… perchè dovrei andare fino a Portland per una ricerca che neanche funziona?
Rachel: Perchè funziona. Sono incinta… aspetto un bambino, Juliet…

Rachel: Oh… Tutto quello che volevo nella vita era avere un bambino… e ora grazie a te l’avrò. Oddio… ora devo solo guarire.

Rachel: Adesso puoi dire a quel bastardo del tuo marito cosa può farci con la sua etica!

Edmund Burke: Perchè sei cattiva e sei insopportabile! Be’… mi hai chiesto la verità, mamma…

Edmund Burke: Ciao Juliet, che succede?
Juliet: E’ incinta.
Edmund Burke: Come dici?
Juliet: Ha funzionato, Rachel è incinta!
Edmund Burke: …Juliet! Juliet, è… accidenti! Ehm… devo vedere i tuoi appunti, devo verificare i dati se vogliamo fare…
Juliet: No! A me non interessa pubblicarli… è mia sorella.
Edmund Burke: Va bene, allora se non sei interessata perchè ti preoccupi…
[rumore di frenata, tardiva, dell’autobus]

Jack: Tutto bene?
Tom: Sì… è che vedere il sangue mi fa un certo effetto…
Jack: Davvero? Allora credo che non ti convenga guardare questo.
Tom: Oh…!
Jack: Di’ un po’… se potete lasciare l’isola perchè non l’avete portato in un ospedale? Perchè tutto questo?
Tom: Perchè da quando il cielo è diventato viola noi…
[bip bip bip]
Tom:
Che diavolo è successo?
Jack: Ho… lesionato un’arteria.
Tom: Ma… non l’avevi già fatto?
Jack: Sì, ma… prima era di proposito.

Sawyer: Bella barca…!

Sawyer: E così sei la figlia del capo, eh? Questa non me l’aspettavo…

Sawyer [prendendo in spalla Carl]: Coraggio, zombie, andiamo a farci un giretto!

Carl: Danny…
Sawyer: No, Sawyer!
Carl: Danny!

Juliet: Danny!
[tre colpi di pistola]
Juliet:
Andate! Andatevene via!
Sawyer: Hai sentito la signora?

Juliet: Alex, tu no! Tu resti.Perchè?
Alex: Conosciamo entrambe tuo padre: lascerà vivere Carl solo se sarai qui quando si sveglierà. Mi dispiace, Alex.
Carl: Ehi, Alex…
Alex: Ciao.
Carl: Mi sei mancata…
Alex: Lo so, mi sei mancato anche tu, Ora devi andartene, ma ci rivedremo molto presto, d’accordo?
Carl: Ti amo… Adesso devo dormire…

Kate: Jack, ci sei?
Jack: Valla a prendere. La radio, valla a prendere!
Tom: Sì, ma l’intervento…
Jack: Fallo! Sì, sono qui, tutto bene?
Kate: Sì, io… abbiamo una barca, ci lasciano andare.
Jack: Chi vi lascia andare?
Kate: La donna bionda.
Jack: Siete al sicuro, tu e Sawyer?
Kate: Sì… sì.
Jack: Raccontami.
Kate: Raccontarti che?
Jack: Sulla spiaggia, il giorno del disastro, la storia che ti ho raccontato: se sei al sicuro, dimmela.
Tom: Credi sia il momento migliore…
Jack: Sta zitto!!!
Kate: Tu… stavi facendo un intervento a una ragazza, e hai combinato un guaio, hai fatto uno sbaglio. Le hai lacerato qualcosa nella schiena, e tutti i nervi sono saltati fuori. E mi hai detto di aver avuto paura. Hai detto che la paura era così… reale. Non sapevi più che fare… così hai contato fino a cinque… e non hai più avuto paura. La paura era passata. E così l’hai guarita, l’hai salvata.
Jack: Devi farmi una promessa, Kate.
Kate: Jack…
Jack: Promettimi che non tornerai mai qui a cercarmi. Non tornare, Kate.
Kate: Jack, dove sei?
Jack: Spegni!
Kate: Ti prego, Jack! Jack! Ti prego, dove sei?
Sawyer: Si sta alzando il vento, dobbiamo andare…

Juliet: Sei riuscito a rimuovere il tumore?
Jack: Sì. Dovrete fare una biopsia, per vedere di che natura è. E adesso che succede, torno nella mia “stanza”?
Juliet: Finchè loro non decidono a riguardo.
Jack: Loro… Che ha detto lui?
Juliet: Come, scusa?
Jack: Ben… che cosa ti ha detto per convincerti a salvarli?
Juliet: Quello che ha detto non è importante…
Jack: Lo è per me. Dopo tutto quello che ho dovuto sopportare, mi devi una risposta. Voglio sapere che ti ha detto.

Ethan: Fazzoletto?
Juliet: Grazie… grazie. Grazie. Ci conosciamo?
Alpert: Salve, dottoressa Burke.
Juliet: Signor Alpert?
Alpert: Sono dispiaciuto per il suo lutto.
Juliet: Che… che cosa ci fa qui?
Alpert: Ho saputo quel che è successo dai notiziari, e al suo ufficio hanno detto che era qui. Volevo farle le condoglianze di persona, prima di tornare a Portland. Lui è Ethan, un mio collega.
Ethan: E’ un piacere conoscerla.
Juliet: E’ stato investito da un autobus.
Alpert: Lo so… hanno detto che lei era presente quando è accaduto, dev’essere stato…
Juliet: No, no! Io, durante il colloquio, avevo detto che volevo che fosse investito da un autobus…
Alpert: Dottoressa Burke, capisco che lei deve sentirsi sconvolta. Si è trattato di un tragico incidente, non deve sentirsi sconvolta. Non ricordavo nemmeno che l’avesse detto.
Juliet: Perchè è venuto qui, signor Alpert?
Alpert: Senta, so che non è il momento giusto, ma siamo venuti perchè vorremmo convincerla a lavorare con noi.
Juliet: Ah…
Alpert: Ci dia soltanto sei mesi. Potrà tornare qui prima che sua sorella partorisca.
Juliet: Come sa che mia sorella…
Alpert: Facciamo ricerche approfondite prima di assumere qualcuno.
Juliet: Mia sorella può venire?
Alpert: Non è consigliabile: siamo isolati, non potrebbe avere accesso alle cure di cui ha bisogno.
Juliet: Ma… state a Portland, ci sono molte cliniche e alcuni dei migliori…
Alpert: Be’, veramente… non stiamo proprio a Portland…

Jack: Voglio sapere che ti ha detto.
Juliet: Io sono su quest’isola da 3 anni, Jack. Tre anni, 2 mesi e 28 giorni. Ha detto che se io lo avessi lasciato vivere e ti avessi aiutato… lui mi avrebbe lasciata tornare a casa.

.

.

Video:

La stanza 23 (versione originale)

Una stanza 23 un po’ particolare…

Ciao ciao Pickett (versione originale)

Promettimi che non tornerai indietro… (versione originale)

(Imperdibile) La scena Kate-Jack in Koreano

Juliet Burke

Il risveglio di Ben (versione originale)

Il flashback di Juliet (versione originale)

. 

Lascia un commento! (evitando gli spoiler)

 


<<< Vai a Lost 3×06

<<< Vai The Lost Experience #44

>>> Vai a Find 815 – Tappa #6

 

 

.

Annunci

Azioni

Information

3 responses

16 01 2008
ale

Ciaooo,stò cercando di sviluppare un blog giornale in cui gli articoli sono scritti dai blogger WordPress (o al limite se non hai tempo posso scriverti io un’articolo prendendolo dal tuo blog e rimandandolo al tuo blog…).
Avrai pure la possibilità se vuoi di crearti una tua categoria chiamandola col nome del tuo blog dove inserire i tuoi articoli.
Il blog giornale nasce con l’intento di dare maggior visibilità al tuo blog e alla gente che cerca in rete la possibilità di trovare articoli di maggiore qualità in un’unico posto (visti i migliaia di blog che nascono ogni giorno…).
Se ti và uno scambio link col blog giornale contattami pure.
ti ringrazio anticipatamente e a presto
http://www.giornale.fm

20 01 2008
mitico Sawyer

alter ti rinnovo i miei complimenti per le tue analisi delle puntate; sono davvero impeccabili.

15 10 2012
notpennysb0at

Un altro motivo per cui Tom potrebbe essere gay, è perchè nel primo giorno di prigionia, quando Kate viene invitata a farsi una bella doccia dice a Tom “Non mi farò la doccia davanti a te” e lui ride dicendo”Non sei proprio il mio tipo” 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: