Lost 3×08 – Dejà vu

18 01 2008

 

Titolo originale: Flashes before your eyes

Data originale di tramissione: 14 Febbraio 2007

Scritto da: Damon Lindelof e Drew Goddard

Diretto da: Jack Bender

Centric: Desmond

Promo: http://www.youtube.com/watch?v=n0k72XSJp9M (sub ita)

Riassunto: Lost-central

Fatti salienti:

– Mentre Locke informa Charlie e Hurley della morte di Eko, Desmond si precipita in mare per salvare Claire che stava annegando;

– Hurley e Charlie fanno ubriacare Desmond per tentare di scoprire come faccia a conoscere il futuro;

– Desmond racconta quello che gli è successo dopo aver girato la chiave di sicurezza nel bunker;

– Lo vediamo agire nel suo passato come se vi fosse tornato indietro, e “rivivere” gli eventi che ha già vissuto;

– Una botta in testa l’ha poi riportato alla realtà presente: si è svegliato nella giungla, nudo, dopo l’esplosione del bunker;

– Desmond dice a Charlie di aver visto tutta la sua vita scorrergli davanti: non soltanto il passato, ma anche il futuro: ora, quelle immagini di cui non si ricorda gli balenano alla mente come dei flash, e gli rivelano quello che succederà;

– Desmond rivela di aver visto, nelle sue visioni, che era stato Charlie a tuffarsi per salvare Claire, ma che era poi morto annegato; allo stesso modo, aveva visto il fulmine colpire la tenda di Claire e uccidere Charlie;

– Desmond dice di aver agito già due volte per cambiare il corso degli eventi e salvare la vita a Charlie, ma si mostra convinto che, per quanto possa fare, Charlie sia destinato a morire.

.

Spunti di riflessione:

 

UOMO IN MARE Mentre Locke informa Charlie e Hurley sulla sorte di Eko, Desmond pare come assente: scopriremo a fine puntata che ha avuto un flash nel quale vedeva Claire in balia delle onde. In effetti così è, e Desmond si precipita a salvare la ragazza.

.

STRANE ABITUDINI Resta da capire come mai Claire facesse il bagno (abitudine quotidiana, secondo lei) vestita.

.

 

TENERE LONTANO DALLA PORTATA DEI BAMBINI Dopo averla salvata, Desmond impedisce a Charlie di avvicinarsi a Claire: questo perchè, nella visione che ha avuto,  ha visto Charlie tuffarsi per aiutare la ragazza e poi morire annegato.

. 

 

FULMINI Anche in un’occasione precedente Desmond ha “visto” Charlie morire: in quel caso era il fulmine caduto sulla tenda di Claire a fulminarlo. Proprio per questo motivo, Desmond aveva costruito un rudimentale ma efficace parafulmine usando una mazza da golf, salvando Charlie.

.

HO VISTO COSE CHE VOI UMANI… Quelle di Desmond sono delle allucinazioni? Oppure realmente egli è in grado di vedere il futuro? Quello che è certo è che sembra conoscere gli eventi prima che accadono (il fulmine che cade, la pioggia nel dialogo con Hurley, il discorso di Locke, Claire in mare), e questo perchè è come se li avesse già vissuti: Desmond infatti parla al passato di fatti che devono ancora succedere, come se avesse, appunto, dei dejà vu.

.

 

DA BUONO SCOZZESE… Come mai Desmond ha questo potere? Charlie e Hurley tentano di scoprirlo facendolo ubriacare, e lui rivela loro quello che gli è successo dopo aver girato la chiave di sicurezza nel bunker: pare proprio che l’evento scatenante, infatti, sia l’attivazione del Failsafe nel Cigno, e il conseguente sprigionamento di un’enorme carica di energia elettromagnetica.

.

 

EVENTO SCATENANTE Desmond racconta ciò che gli è successo in prima persona, e il suo racconto ci mostra il risveglio nella giungla dopo l’esplosione (o, meglio, l’implosione). Non sappiamo ancora come abbia fatto a ritrovarsi scaraventato fuori dal bunker e senza ferite rilevanti dopo tutto quello che è successo.

.

.

 

DALL’INIZIO Quando si sveglia dopo l’implosione, tuttavia, Desmond non è nella giungla, ma a casa sua a Londra, nel passato. Per essere chiari, dirò subito come la penso: Desmond non ha viaggiato nel tempo, non è tornato indietro sino a qualche anno prima. Quello che ci viene mostrato l’ha effettivamente vissuto: non, però, come viaggio reale, fisico, bensì come viaggio mentale. Ha come rivissuto mentalmente il proprio passato, pensando però di trovarsi davvero nel passato. E’ un po’ il topos del “tutta la mia vita mi è passata davanti, come un film”: ecco, dopo (e probabilmente, a causa) il Failsafe Desmond si è visto passare davanti le immagini del suo passato, vivendole però non come uno spettatore passivo, bensì come un attore protagonista in grado di agire sulla scena.
Ma questa rimane, a mio parere, un’esperienza a livello mentale, per quanto reale possa essere sembrata a Desmond. Cerchiamo ora di ripercorrere tappa per tappa gli eventi che Desmond “rivive” (mentalmente).

.

 

1) IL RISVEGLIO Desmond si risveglia a casa sua, a Londra: realizza di essere caduto dalla scala mentre dipingeva il soffitto, e vede Penny accanto a sè. A questo punto pensa che tutto quello che ha vissuto (la regata, il naufragio, l’isola) sia stato solo un incubo.

.

2) PRIMO DEJA VU Poco più tardi (Desmond ha ancora della vernice addosso), si prepara per un colloquio con Charles Widmore, il padre di Penelope. Prima di uscire, due piccoli dettagli sembrano richiamargli esperienze già vissute nel passato: la sua ragazza gli dice che “non sarà la fine del mondo” (Kelvin spiegò a Desmond che il loro compito all’interno del Cigno serviva a salvare il mondo), quindi il suono del microonde gli riporta alla mente il segnale del timer all’interno del bunker).

.

3) IL FATTORINO Alla reception del palazzo dove Desmond incontrerà Charles Widmore si presenta un fattorino che deve consegnare “un pacco per l’815”. All’udire questo, balenano improvvisamente in testa a Desmond i numeri della sequenza che doveva inserire nel computer ogni 108 minuti: 4, 8, 15, 16, 23, 42. Secondo dejà vu.

.

 

4) LA REGATA Nell’ufficio di Widmore, Desmond nota un trofeo navale. Quando apprende che la fondazione di Widmore sponsorizza una regata in solitario attorno al mondo, ha dei flash del suo naufragio sull’isola proprio mentre partecipava a quella regata. Terzo dejà vu.

.

 

5) WIDMORE Charles Widmore accetta di assumere Desmond, ma quando lui gli chiede la mano della figlia reagisce dicendogli che non sarà mai degno di lei.

.

 

6) LA CRAVATTA Uscito sdegnato dal palazzo delle Widmore Industries, Desmond si sfila la cravatta e la getta via con un gesto di rabbia.

.

 

7) L’INCONTRO CON CHARLIE A questo punto la sua attenzione è attirata da un musicista di strada che si esibisce lì vicino. In lui Desmond riconosce Charlie, e la sua mente lo riporta nel bunker, quando, con il collasso di sistema in atto, Charlie gli chiese aiuto (proprio come sta facendo ora, chiedendogli un’offerta) per soccorrere Eko. Questa volta aumentano le immagini che scorrono nella mente di Desmond (ricorda anche di Kelvin e del bunker). Quarto dejà vu.

.

 

8 ) PIOGGIA Proprio come Desmond “ricorda che sia successo”, comincia a piovere.

.

 

9) DONOVAN Desmond si reca dal suo amico Donovan per spiegargli la propria situazione. Insieme si recano al pub, dove Desmond avanza l’ipotesi per cui avrebbe viaggiato indietro nel tempo e ora starebbe rivivendo la propria vita, il proprio passato.

.

 

10) MAMA CASS Mentre parla con Donovan, Desmond ascolta la canzone “Make your own kind of music” (la stessa che ascoltava nel bunker). Questa volta, però, non gli torna in mente l’isola, bensì una serata in cui egli, in quel pub. ha ascoltato quella canzone (quindi un passato ancora più remoto rispetto ai ricordi dell’isola). Su queste basi, Desmond prova a predire quello che sta per accadere, ma la sua previsione (due gol nella partita in tv e l’irruzione di Jimmy Lennon che prende a mazzate il barista) si rivela errata. Quinto dejà vu.

.

 

11) CASA Desmond torna a casa, racconta a Penny dell’incontro con suo padre e lei gli manifesta il suo amore.

.

 

12) L’ANELLO Desmond decide di chiedere a Penny di sposarlo e si reca in gioielleria per comprare un anello. Qui incontra Mrs. Hawking, che gli propone un anello particolare. Desmond decide di acquistarlo, ma la gioielliera si oppone, sostenendo che lui (sa anche il suo nome) non comprerà l’anello e non chiederà a Penny di sposarlo.

.

 

13) L’UOMO DALLE SCARPE ROSSE Desmond chiede spiegazioni a Mrs. Hawking: lei, per tutta risposta gli preannuncia la morte dell’uomo con le scarpe rosse, che puntualmente rimane ucciso dal crollo di un’impalcatura poco dopo.

.

 

14) DESTINO Mrs. Hawking dice a Desmond che è previsto che lui non chieda a Penny di sposarlo, che per riconquistare il proprio onore prenderà parte alla regata di Widmore nel corso della quale farà naufragio sull’isola, dove passerà tre anni a inserire un codice in un computer per salvare l’umanità, e questa sarà l’unica cosa importante che riuscirà a fare. Questo è il destino di Desmond, e non può essere cambiato. Tuttavia, egli non crede alle parole di Mrs. Hawking e compra ugualmente l’anello.

.

 

15) FORZE ARMATE Passa davanti ad un ufficio di reclutamento militare: forse gli balena in testa l’idea di provare a fare carriera (ripensando anche alle parole di Charles Widmore), certo – chissà perchè – non gli tornano alla mente i flash di quando è stato nell’esercito (sappiamo che fu congedato con disonore dal reggimento dei lancieri scozzesi).

.

 

16) CHEESE! Desmond incontra Penelope al molo e i due si fanno scattare la foto che poi Desmond ha con sè.

.

 

17) ADDIO Desmond lascia Penelope perchè “non è destino che stiamo insieme”; secondo Penny invece lo fa perchè è un codardo.

.

 

18) IL LANCIO DELL’ANELLO Desmond sfoga la sua rabbia gettando l’anello in mare.

.

 

19) IL PUB #2 Ritorna allo stesso pub della sera prima e ordina una birra. Nel frattempo, parte dal jukebox la canzone “Make your own kind of music”, e nella partita in tv la squadra in svantaggio segna i gol della rimonta. Desmond si rende conto che la sua previsione era esatta, solo era riferita alla sera sbagliata.

.

 

20) LA MAZZA DA CRICKET Desmond decide così di reimpossessarsi del proprio destino e si convince della possibilità di cambiare gli eventi. Tuttavia, mentre sta uscendo dal pub, irrompe Jimmy Lennon che si dirige minaccioso verso il barista. Desmond urla al barista di abbassarsi e riceve così la mazzata in testa al posto suo.

.

 

21) IL RISVEGLIO Desmond si risveglia, nudo, nella giungla dopo aver girato la chiave di sicurezza.

. 

Fin qui, è tutto nella testa di Desmond (a parte il risveglio finale nella giungla, che è vero): non ha viaggiato realmente, non ha davvero compiuto azioni o interagito fisicamente con i suoi interlocutori. E’ stato un po’ come un sogno ad occhi aperti (molto molto realistico), mentre lui giaceva privo di sensi nella giungla in cui poi si risveglia.

. 

IL VERO PASSATO Piuttosto, questo è il vero passato di Desmond. Questi sono gli avvenimenti che sono davvero accaduti a Desmond, nel mondo reale, nel 1996:

1) Desmond si risveglia dopo essere caduto dalla scala;
2) Si prepara per il colloquio con Widmore: Penny gli dice che non è poi la fine del mondo e spegne il microonde quando sente il segnale acustico;
3) Nel palazzo della Widmore, sente dire a un fattorino che ha un pacco per l’815, ma non bada a queste parole;
4) Nell’ufficio di Charles Widmore nota il trofeo navale, ma non ha alcuna reazione particolare alla notizia della regata intorno al mondo;
5) Widmore gli nega la propria stima;
6) Esce dalle Widmore Industries e getta via la propria cravatta sdegnato.
7) Stando alla sua ricostruzione (“e poi sono venuto qui e mi sono tolto la cravatta… e poi l’ho persa, e Penny ha detto ‘dov’è successo?’ e poi… è cominciato a piovere e…”) potrebbe aver incontrato brevemente Penelope che gli chiede dove abbia perso la cravatta;
8 ) Incontra un musicista di strada: non lo conosce;
9) Inizia a piovere.
10) Incontra Donovan al pub: non gli menziona alcuna questione di viaggi temporali;
11) Al pub ascolta la canzone “Make your own kind of music”. Nella partita in tv la squadra in svantaggio non recupera due gol nei minuti finali e nessuno picchia con una mazza da cricket il barista.
12) Desmond torna a casa, racconta a Penny dell’incontro con suo padre e lei gli manifesta il suo amore
13) Desmond decide di chiedere a Penny di sposarlo, si reca in gioielleria, dove una simpatica vecchietta gli propone un anello particolare. Ma Desmond rinuncia a comprarlo.
14) Desmond si ferma per un istante davanti all’ufficio di reclutamento militare, ma poi prosegue.
15) Desmond incontra Penelope al molo e i due si fanno scattare la foto che poi Desmond ha con sè.
16) Desmond lascia Penelope (non sappiamo di preciso con quali motivazioni); secondo Penny lo fa perchè è un codardo.
17) Desmond torna al pub della sera precedente, ordina una birra, ascolta ancora la canzone “Make your own kind of music” dal jukebox, vede la partita in tv in cui la squadra in svantaggio vince nel finale. Non pensa di poter tornare sulla propria decisione con Penelope.
18) Jimmy Lennon entra nel pub con una mazza da cricket e aggredisce il barista. Desmond non fa nulla per evitarlo e non riceve alcuna mazzata in testa.
19) Desmond prosegue tranquillamente la propria vita: si arruola nell’esercito; viene condotto in carcere e congedato con disonore; incontra Penny e Jack allo stadio; prende parte a una regata in solitario intorno al mondo, su consiglio di Charles Widmore e con la barca di Libby, per riconquistare il proprio onore; fa naufragio sull’isola; viene trovato da Kelvin e portato nel bunker; dopo 3 anni passati a premere il pulsante (prima con Kelvin e poi da solo) e dopo aver fatto precipitare il volo 815, i naufraghi di quell’aereo fanno irruzione nel suo bunker; prova a fuggire in barca dall’isola, ma è respinto indietro; dopo che Locke ha lasciato scadere il countdown causando il System Failure, Desmond è costretto a girare la chiave di sicurezza: perde i sensi.
20) Desmond si risveglia a casa sua… ecc. (a questo punto il giro prosegue con gli eventi a partire dal punto 1) del primo elenco, ma una volta arrivato al punto 21) (sempre del primo elenco) termina: siamo giunti al presente (quello della puntata 3×03; poi, ovvio, ci sono gli eventi delle puntate successive).

.

 

Come avrete notato, ci sono delle differenze fra il primo elenco (il passato rivissuto mentalmente) e il secondo (il passato reale): questo perchè Desmond, nel suo viaggio mentale, crede di essere davvero tornato indietro nel tempo e tenta di agire in modo da cambiare la linea degli eventi (e infatti compra lo stesso l’anello; e infatti prova a rimediare all’errore con Penny, senonchè si prende la mazzata in testa). Inoltre, quando rivive mentalmente il proprio passato, Desmond sa già che cosa succederà “dopo”, perchè anche “dopo” è passato, e lui l’ha già vissuto (realmente). Ecco allora che quando sente il bip del forno lo collega immediatamente al segnale acustico del bunker; quando sente il numero 815 gli vengono in mente i numeri del codice che per tre anni (successivi a quell’evento, ma precedenti rispetto al presente, in cui Desmond si trova privo di sensi nella giungla) ha inserito nel computer; quando Widmore gli menziona la regata intorno al mondo si ricorda del suo naufragio; quando vede Charlie si ricorda di Charlie. Sono tutti dejà vu, flash spiegabili con il fatto che egli ha già vissuto quegli eventi (l’isola, il bunker, il failsafe), e ora arricchisce con quest’esperienza il suo rivivere un passato antecedente ad essi. Ad esempio: nel 1996 Desmond aveva visto un musicista di strada che non conosceva perchè non l’aveva mai visto prima; ora che ripercorre (mentalmente) il proprio passato alla luce di ciò che ha vissuto fino al presente, riconosce in lui Charlie: è come se stesse guardano un vecchio filmino ed esclamasse “oh, guarda quel musicista: era Charlie!”: solo che, come già detto, Desmond si crede dentro al filmino e, quel che è peggio, non sa che è un filmino.

 

Non solo: Desmond, nel momento in cui rivive mentalmente il proprio passato, ha già vissuto non soltanto i 3 anni passati sull’isola, ma anche tutti gli anni precedenti e i relativi avvenimenti. Compresi i fatti che ora rivive: è già stato (fisicamente) nell’ufficio di Charles Widmore e ne è già uscito scornato; ha già gettato via la sua cravatta dopo il colloquio; è già stato al bar con l’amico Donovan, ma allora non lo aveva tormentato con il discorso sui viaggi nel tempo (perchè ovviamente non credeva di essere tornato indietro nel tempo); era stato al pub anche la sera dopo e aveva ascoltato la canzone, visto la partita di calcio e assistito alla rissa tra Jimmy Lennon e il barista. Ecco spiegata la predizione che Desmond fa a Donovan: proprio perchè ha già vissuto (realmente) gli eventi che ora rivive (mentalmente) è in grado di dire in anticipo quello che accadrà (la prima sera la profezia non si avvera perchè Desmond ha confuso i giorni: si verificherà infatti la sera successiva).

.

 

E MRS. HAWKING? Ok, come la mettiamo con Mrs. Hawking, la simpatica gioielliera? Stando a quanto detto finora, dobbiamo ipotizzare che nel passato reale di Desmond la signora Hawking volesse vendergli l’anello, ma Desmond abbia rifiutato. Fatto questo, la gioielliera è uscita dalla sua vita.
Nel sogno ad occhi aperti, invece, Mrs. Hawking gioca un ruolo di primo piano: è come se, da personaggio secondario e passivo del “film”, prendesse improvvisamente vita nel momento in cui Desmond (convinto di essere tornato indietro e di trovarsi davvero nel passato) prova a dare una svolta diversa agli eventi. Quando Desmond decide di comprare l’anello e quindi di divergere dal corso degli eventi come essi erano realmente andati, ella insorge e protesta, affermando che le cose non devono affatto andare così, anzi, devono andare esattamente nel modo opposto (non comprare l’anello e spezzare il cuore a Penny). Più che una sorta di materializzazione (sempre a livello mentale) della coscienza di Desmond, Mrs. Hawking può essere vista come la portavoce del mondo possibile in cui Desmond si trova in quel momento (sempre, ancora una volta, al semplice livello mentale).
Ora, cosa sono i mondi possibili?
Si tratta di universi fittizi, alternativi a quello in cui viviamo e che chiamiamo realtà: “i mondi possibili sono modi in cui il mondo avrebbe potuto essere, ma non è stato” (Lewis). Ora, prendiamo un qualsiasi romanzo: quello che ci viene raccontato è vero? è reale? Se prendiamo un romanzo come “Il sentiero dei nidi di ragno” di Calvino (che parla della resistenza partigiana in liguria nel corso della seconda guerra mondiale), non avremo certo difficoltà ad ammettere l’esistenza di gruppi partigiani e milizie tedesche sulle colline liguri. Ma prendiamo un testo come “I viaggi di Gulliver”: siamo disposti ad ammettere che esiste (o sia esistito in passato) realmente un luogo popolato da esseri umani di dimensioni ridottissime, e un luogo invece popolato da giganti? Risulta un po’ più difficile. Per questo, si colloca l’universo di quell’opera di finzione in un mondo possibile, una sorta di universo alternativo nel quale i personaggi di quell’opera vivono e gli eventi dell’opera si compiono. Ora, il mondo possibile di un’opera di finzione è il più possibile simile al mondo reale (quello in cui viviamo noi): vi si discosterà soltanto per ciò che è esplicitamente detto nell’opera. Ad esempio, il mondo possibile dei “Viaggi di Gulliver” differisce dal nostro mondo per il fatto che in quel mondo esiste un luogo popolato da esseri minuscoli ed esiste un luogo popolato da esseri giganti (e nel nostro invece no). Per il resto, quel mondo possibile resta uguale al nostro mondo: gli uccelli volano, il sole scalda, gli uomini hanno due mani e due piedi, ecc. In poche parole, nel costruire il mondo possibile di un’opera di finzione bisogna discostarsi dal mondo reale soltanto per quanto riguarda ciò che viene esplicitamente detto nell’opera; tutto ciò che non viene detto è oggetto delle inferenze del lettore, e come tale è riportato parimenti alla realtà fisica in cui il lettore vive (che poi altro non è che uno degli infiniti mondi possibili).

 

MONDI POSSIBILI Ecco, l’universo in cui Desmond si ritrova catapultato (solo mentalmente) dopo l’esplosione del bunker è un mondo possibile del tutto identico al mondo possibile che egli ha vissuto (fisicamente) nel 1996 (in entrambi i mondi possibili Desmond cade dalla scala, viene umiliato da Charles Widmore, perde la cravatta, scoppia a piovere poco dopo, Jimmy Lennon entra nel pub con una mazza da cricket, ecc.). Da esso però si differenzia in funzione delle azioni che Desmond “compie” sia in virtù di ciò che già sa (per esempio, in questo mondo possibile riconosce Charlie e gli parla, mentre nel mondo possibile del suo vero passato non lo conosce e non gli rivolge la parola) sia con lo scopo di cambiare il corso degli avvenimenti (per esempio, in questo mondo possibile Desmond compra l’anello, mentre nell’altro rinuncia all’acquisto; in questo mondo possibile la sua decisione di comprare l’anello dà luogo alla discussione con Mrs. Hawking, mentre nell’altro questa conversazione non c’era; ecc.). Se Desmond avesse compiuto delle azioni diverse (per esempio, chiedere a Penelope di sposarlo), avrebbe dato vita ad un altro mondo possibile (in cui Desmond chiede a Penelope di sposarlo, Penelope accetta, i due si sposano, ecc.).
Sarebbe riuscito ad evitare di finire sull’isola? Non lo sappiamo. L’unica cosa di cui siamo certi è che nel mondo possibile che corrisponde al suo reale passato Desmond, dopo vari eventi (carriera militare, carcere, congedo, re-incontro con Penny, regata intorno al mondo) finisce sull’isola. Negli altri infiniti mondi possibili (compreso quello in cui si trova durante il suo trip mentale), Desmond può finire o non finire sull’isola: in alcuni mondi ci finirà proprio allo stesso modo (facendo la regata), in altri mondi in modo diverso (paradossalmente, addirittura in qualità di passeggero del volo 815, anche se servirebbe qualcuno che al suo posto faccia cadere l’aereo), in altri ancora non approderà sull’isola (per esempio, se sposa Penelope; ma ci sarà anche un mondo possibile in cui lui e Penny si sposano eppure lui prende parte alla regata e fa naufragio sull’isola). In fin dei conti, la questione non ha importanza, perchè questi infiniti mondi possibili in realtà non esistono. L’unico mondo possibile esistente è quello in cui Desmond ha vissuto nel passato e vive tuttora nel presente: in questo mondo, le cose sono andate proprio come sappiamo (è finito sull’isola dopo aver lasciato Penny, è stato per tre anni nel bunker a premere un pulsante per salvare il mondo, ha girato la chiave di sicurezza, si è risvegliato nella giungla, ha incontrato Hurley di ritorno dal Palaferry, si è recato alla Perla con Locke, ha visto Eko morto, si è ubriacato in compagnia di Hurley e Charlie). Tutto quello che non è successo ma sarebbe potuto succedere non ha importanza, perchè appartiene ad altri mondi possibili che esistono solo in potenza, ma non in atto. E infatti tutto quello che abbiamo visto dopo l’esplosione del bunker con Desmond protagonista è stato il contenuto di un mondo possibile: Desmond non è tornato indietro nel tempo, ma ha vissuto dentro un mondo possibile credendo fosse tutto vero.

 

PERSONAGGI E INTEPRETI Come spiegare allora Mrs. Hawking e la sua “ribellione”? Mrs. Hawking altro non è, come ho detto, la “portavoce” di quel mondo possibile. In ogni mondo possibile le cose possono andare in una sola maniera: se vanno in un’altra maniera, ci troviamo in un altro mondo possibile. Il mondo possibile in cui Demsond si trova catapultato (mentalmente!) dopo il Failsafe è un mondo possibile piuttosto vicino e simile al mondo “reale” (che poi è un mondo possibile che si è tramutato in realtà): ci sono poche cose, infatti, che cambiano (un mondo possibile in cui, ad esempio, Desmond sposasse Penny e i due andassero a vivere in Sudamerica sarebbe un mondo possibile molto più distante da quello reale). In questo mondo possibile le cose vanno nell’unico modo in cui possono andare in questo mondo possibile: Desmond va da Widmore, incontra Charlie, viene a piovere, vuole comprare l’anello, lascia Penny, va al pub, finirà sull’isola ecc. All’interno di questo mondo possibile le cose vanno così e devono necessariamente andare così (altrimenti saremmo in un altro mondo possibile): ecco che allora quando Desmond prova a far andare le cose diversamente (non lasciare Penny, ma chiedere di sposarla), l’universo di quel mondo possibile (materializzatosi in Mrs. Hawking) si “ribella”, si mobilita per apportare quegli aggiustamenti che faranno andare le cose nell’unica direzione possibile.  Così Mrs. Hawking prova a fare in modo che Desmond non compri l’anello e gli fa i discorsi sul suo destino: alla fine Desmond comprerà sì l’anello, ma la catena di eventi a cui andrà incontro sarà esattamente quella prevista da quel mondo possibile, ovvero rinuncia a darlo a Penny, rinuncia a chiedere di sposarla, le spezza il cuore, ecc. Insomma, l’universo trova sempre il modo di correggere la rotta.

 

PRE-VISIONI Anche le predizioni di Mrs. Hawking sono facilmente spiegabili: lei è la materializzazione di quell’universo possibile, e come tale lo conosce in ogni suo dettaglio, e sa perfettamente che l’uomo con le scarpe rosse, in quell’universo, muore sotto il crollo dell’impalcatura (le cose che gli sarebbero successe se non fosse morto in quell’occasione – l’investimento sotto il taxi e la caduta nella doccia – sono eventi appartenenti ad altri mondi possibili molto vicino a questo: rispettivamente, un mondo possibile identico a questo ma in cui l’uomo si salva dall’impalcatura e il giorno dopo muore investito da un taxi; e un mondo possibile identico al precedente ma in cui l’uomo si salva dal taxi e muore nella doccia. Ma come fa Mrs. Hawking allora a conoscere ciò che accade in altri mondi possibili se lei è un personaggio di questo mondo possibile? Be’, ma tutti noi conosciamo gli altri mondi possibili alternativi a questo: ogni ipotesi di morte che formuliamo per l’uomo dalle scarpe rosse troverà realizzazione in un particolare mondo possibile. Quindi quelle di Mrs. Hawking riguardo le possibili morti dell’uomo non sono predizioni, bensì supposizioni).

 

QUEL CHE E’ FATTO E’ FATTO Desmond allora poteva cambiare il suo passato, se non avesse preso la mazzata in testa al posto del barista? No. Qualsiasi cosa avesse fatto, Desmond non avrebbe potuto cambiare il corso degli eventi, e questo semplicemente per il fatto che egli non stava rivivendo il proprio passato fisicamente, ma soltanto mentalmente. Tutte le cose che avrebbe potuto fare all’interno di quel mondo possibile in cui si ritrova dopo l’esplosione del bunker sarebbero servite soltanto a proiettarlo di volta in volta in altri mondi possibili, tutti altrettanto fittizi e irrealizzabili (poichè gli eventi passati non si possono cambiare). La “ribellione” e le parole di Mrs. Hawking suggeriscono, tra l’altro, che il Desmond che fa il viaggio mentale sia in qualche modo prigioniero di quel mondo possibile, e che comunque le sue azioni lo condurranno sempre entro i confini di questo universo, senza nemmeno sconfinare in mondi possibili alternativi.

 

IPSE DIXIT Quello che importa è che, comunque, dopo il Failsafe Desmond è stato in qualche modo sbalzato fuori dal bunker ed ha giaciuto privo di sensi nella giungla: mentre succedeva tutto questo, lui riviveva soltanto mentalmente il suo passato, e quando si risveglia è inevitabilmente nel presente (dove è sempre rimasto). Lo dice lui stesso, in fin dei conti: “Quando ho girato quella chiave, la mia vita mi è passata davanti agli occhi come un flash… e mi sono ritrovato nella giungla, ancora in questa maledetta isola.”

.

 

FUTURO Alla luce di tutto ciò, come si possono spiegare le capacità precognitive di Desmond? Come fa a conoscere il futuro? Ecco cosa dice lui: “…la mia vita mi è passata davanti agli occhi come un flash… e mi sono ritrovato nella giungla, ancora in questa maledetta isola. Ma quei flash, Charlie… quelle visioni non erano finite!”
Dunque, l’esperienza del viaggio mentale che Desmond ha vissuto dopo il Failsafe non si è limitata a fargli rivivere mentalmente il suo passato: a quanto pare il sogno ad occhi aperti è andato avanti, e ha mostrato a Desmond anche gli eventi successivi al momento presente. Il suo futuro.

 

REMINISCENZE Perchè allora Desmond non si ricorda anche le immagini del suo futuro che avrebbe visto scorrergli davanti agli occhi? Forse perchè la sua consapevolezza si limita agli eventi pre-botta in testa (fittizia, ma comunque traumatica) ricevuta, nella visione, da Jimmy Lennon. Le immagini del futuro le ha viste ma ora non le ricorda, ed esse gli balenano in mente soltanto a tratti, secondo le modalità del dejà vu: quando Desmond rivive la situazione già vista mentalmente, ha una reminiscenza di quelle particolari immagini. Questo spiegherebbe perchè parla degli eventi futuri al passato, come se lui li ricordasse (“Locke l’ha detto nel suo discorso”, “tu sei affogato per salvarla”, “Jimmy Lennon è entrato con una mazza da cricket”) dopo averli già vissuti (o meglio, visti).

 

UN ALTRO FUTURO Desmond allora ha già visto il suo futuro (pur non ricordandolo)? A mio parere no: ciò che Desmond ha visto sono stati gli eventi del mondo possibile che stava “vivendo” mentalmente, quello stesso mondo possibile in cui si è trovato come imprigionato dopo il Failsafe. In questo mondo possibile, dopo gli eventi ormai noti riferiti al passato (Desmond compra l’anello ma riuncia a darlo a Penny, la lascia e sbarca sull’isola) si susseguono eventi anche futuri (o meglio, collegabili a un tempo che corrisponde al tempo che deve ancora avvenire – e che quindi è futuro – nel mondo possibile reale), fra cui: Locke fa il suo discorso alla spiaggia dicendo di voler andare a riprendere i tre rapiti; Hurley mangia la macedonia e subito dopo scoppia a piovere; Charlie muore colpito da un fulmine.

GUARDARE AVANTI A differenza di quanto non potesse fare per il passato (anche volendo, Desmond non poteva cambiare le cose, perchè lui, pur viaggiando mentalmente nel passato, si trovava fisicamente nel presente: il passato ormai è dato), Desmond può agire in prima persona per fare in modo che gli eventi futuri prendano una piega diversa rispetto a quanto ha visto nella sua visione: può cioè fare in modo che quel mondo possibile non si realizzi concretamente, e se ne realizzi invece un altro, diverso. Questo gli è possibile perchè gli eventi che ha visto e che ha intenzione di modificare non sono passati, ma futuri. E lui si trova nel presente, quindi è in grado di modificarli.

 

CAMBIO DI ROTTA E in effetti questo fa: sapendo che il mondo possibile che ha visto mentalmente si differenzia dal mondo reale soltanto in piccolissima parte (cioè quella relativa all’incontro con Charlie, al fatto che compra l’anello e al fatto che prende una mazzata in testa al posto del barista) – e ne ha conferma con il discorso di Locke e con la macedonia di Hurley seguita dalla pioggia, fatti che si verificano identici in entrambi i mondi possibili – sa che con ogni probabilità un fulmine ucciderà Charlie, ed egli si adopera per fare in modo che questo non avvenga: costruisce così un parafulmine che attrae la scarica e salva la vita a Charlie.

NUOVI MONDI Così facendo, Desmond ha modificato il corso degli eventi rispetto a quello che aveva visto mentalmente: in quel mondo possibile, infatti, Charlie moriva fulminato. Con il suo gesto, Desmond ha “spostato” l’universo in un altro mondo possibile (reale), che prende il posto di quello precedente (reale): è identico in tutto e per tutto a quello precedente (quindi il passato di Desmond rimane quello: non compra l’anello, lascia Penny e naufraga sull’isola) tranne che per il fatto che in questo nuovo mondo possibile “reale” (è reale perchè questi avvenimenti sono davvero successi) il fulmine non colpisce Charlie, che quindi non muore.

Tuttavia, come detto, questo nuovo mondo possibile si differenzia dal precedente soltanto in questa minima parte, mentre tutto, ma proprio tutto, il resto rimane identico (il volo 815 cade sull’isola, gli Altri rapiscono i bambini, Locke rimane paralizzato, i Red Sox vincono le World Series, …). Il problema è che fra le cose che restano immutate c’è anche il fatto che Charlie muore: se nel mondo possibile precedente Charlie moriva fulminato, nel mondo possibile cui Desmond dà vita con il suo salvataggio Charlie non muore fulminato, ma muore lo stesso. E precisamente muore annegato, qualche giorno più tardi, nel tentativo di salvare Claire (i mondi possibili, infatti, sono completi: contengono cioè eventi non solo del presente e del passato, ma anche del futuro).

 

UN PROBLEMA Qui sorge il problema più grosso per questa teoria: come fa Desmond a “vedere” anche la morte per annegamento di Charlie se essa appartiene ad un mondo possibile che è diverso da quello che Desmond rivive mentalmente e che è Desmond stesso a “creare” salvando Charlie dal fulmine? Dal momento che sembra difficile che Desmond abbia potuto vedere le immagini di due mondi possibili diversi (perchè proprio quei due tra i potenziali mondi infiniti?, verrebbe da chiedersi), potremmo ipotizzare che in realtà la morte per annegamento di Charlie non appartiene a un nuovo mondo possibile (come detto poco sopra), ma è ancora parte del primo mondo possibile, quello in cui Desmond si ritrova (mentalmente) dopo l’esplosione del bunker. Dunque, in questo mondo, dopo gli eventi arcinoti del passato di Desmond, c’è il discorso di Locke, la pioggia, il fulmine che cade e colpisce il parafulmine costruito da Desmond (ma lui non si ricorda questo evento), Charlie che muore annegato.
Questa ipotesi però non è possibile: se Desmond ha visto il fulmine che cade e colpisce il parafulmine, perchè dice che ha visto il fulmine colpire a morte Charlie? Deve aver visto proprio questo, altrimenti non saprebbe che Charlie è in pericolo e non costruirebbe il parafulmine per salvarlo.

 

E ALLORA? E allora possiamo ipotizzare che: o Desmond riceve dei flash (che poi non sono altro che ricordi delle immagini che “visto” mentalmente che riaffiorano alla memoria) da due mondi possibili diversi (quello in cui Charlie muore fulminato e quello in cui Charlie muore annegato), ma questa ipotesi, come detto, pare poco praticabile;

oppure: Desmond vive al presente in un mondo possibile che è quello reale (MR), nel quale accadono tutti gli eventi che accadono in Lost. Quando Desmond gira la chiave fa un viaggio mentale in un mondo possibile molto simile a MR ma diverso in alcuni aspetti (Mp1): questo mondo possibile non è reale, come detto. Quando Desmond salva Charlie dal fulmine “entra” (e con lui l’universo) in un nuovo mondo possibile che diventa realtà presente e fisica (MRR), uguale al precedente (MR) tranne che per il fatto che Charlie non muore fulminato, poichè il fulmine colpisce il parafulmine, ma annega pochi giorni dopo. In questo mondo possibile (MRR) divenuto realtà, gli elementi di novità rispetto a quello precedente (MR) sono solo questi eventi futuri: il passato di Desmond resta lo stesso (è il suo passato reale: non compra l’anello, lascia Penny, arriva sull’isola). Quindi anche in questo nuovo mondo possibile Desmond gira la chiave, fa un viaggio mentale nel suo passato e vede anche immagini del suo futuro. Solo che l’universo possibile (chiamiamolo Mp2) nel quale Desmond viaggia mentalmente in MRR è leggermente diverso dall’universo possibile (Mp1) nel quale ha (o meglio, avrebbe) viaggiato mentalmente in MR: nell’universo possibile Mp1 dopo aver comprato l’anello, aver lasciato Penny, essere finito sull’isola e attivato il Failsafe e dopo essersi risvegliato nella giungla, Desmond ascolta il discorso di Locke, piove quando Hurley mangia la macedonia e Charlie muore fulminato; nell’universo Mp2 (in cui Desmond si ritrova dopo aver attivato il Failsafe nell’universo reale nuovo MRR, quello in cui salva Charlie), tutto è identico a Mp1 tranne gli eventi “futuri” che Desmond vede mentalmente: il fulmine colpisce il parafulmine, Charlie si salva, ma muore poi annegato dopo pochi giorni.
Quindi nel mondo possibile MR è l’universo possibile Mp1 a “inviare” a intermittenza le immagini e le reminiscenze a Desmond (e in MR dunque Desmond può “vedere” e quindi predire che Charlie muore fulminato, ma non che muore annegato). Nel momento in cui Desmond salva la vita a Charlie nel mondo reale MR, abbandona questo universo possibile MR per “spostarsi” nel mondo possibile MRR: in MRR il trip mentale di Desmond si è svolto nel mondo possibile Mp2, che è dunque responsabile delle immagini e reminiscenze inviate, sempre a intermittenza, a Desmond. Le immagini attinte da Mp2 sono identiche a quelle di Mp1: solo che Mp2 è un mondo possibile costruito “in progress”, e quindi deve scontrarsi con il fatto che Charlie non è morto fulminato (questo è un evento che in MR non è avvenuto e che non può avvenire nemmeno in MRR: non si può cambiare ciò che è stato): corre così ai ripari “prevedendo” al proprio interno una nuova morte per Charlie, questa volta per annegamento.
Questo spiegherebbe come mai Desmond riesce a vedere più morti di Charlie.

 

MONDI POSSIBILI IN MONDI POSSIBILI Nel momento in cui Desmond salva Charlie anche dall’annegamento, si entra in un nuovo mondo possibile (in MRR infatti Charlie annega, e questo invece nella realtà non si realizza) che diviene realtà presente (MRRR). In MRRR tutto è uguale a MRR, senonchè Charlie non muore per salvare Claire. E se Desmond avrà delle altre visioni del futuro, esse saranno attribuibili al viaggio mentale che in MRRR ha compiuto nel mondo possibile Mp3 (uguale in tutto per tutto a Mp2 tranne che per il fatto che Charlie non muore annegato ma, possiamo presumere, muore in un altro modo: questo perchè, di fondo, anche nel mondo possibile MRRR Charlie muore).

SPACCIATO? Come potrebbe fare Charlie per non morire? Ipoteticamente, bisognerebbe uscire dalla sequenza dei mondi possibili MR(RRRRRRR….Rn), tutti uguali l’uno all’altro tranne che per le modalità in cui avviene la morte di Charlie. Come fare per uscire da questo circolo vizioso, tuttavia, non lo so.

. 

. 

ALTRE TEORIE Quella fin qui è soltanto una delle tante ipotesi formulate dai fan per spiegare quanto visto. Vediamo alcune delle altre teorie:

.

 

VIAGGIO NEL TEMPO La più gettonata è sicuramente la teoria per cui Desmond, dopo il Failsafe e a causa di esso, ha realmente viaggiato nel tempo tornando fisicamente indietro nel 1996. Una volta nel passato, Desmond avrebbe provato a correggere i suoi errori senza successo ed era in grado di collegare alcuni fatti e persone ad eventi vissuti (nel futuro) sull’isola, dopodichè la botta presa da Jimmy Lennon avrebbe interrotto questo viaggio e l’avrebbe riportato nel presente.
Questa teoria, però, presenta non pochi problemi: come avrebbe fatto, Desmond, a viaggiare nel tempo, prima all’indietro e poi in avanti? E poi: come si possono spiegare Mrs. Hawking e il fatto che ella conosca il futuro di Desmond? Certo non può essere la manifestazione della propria coscienza (nel mondo reale, nel quale Desmond si troverebbe – seppure al passato – secondo questa teoria, non esistono le manifestazioni delle coscienze); potrebbe essere una veggente, ma sarebbe una veggente molto brava (sa nel dettaglio cosa avverrà negli anni futuri a Desmond); potrebbe essere un’altra persona che è tornata indietro nel tempo da un futuro in cui conosce Desmond e la sua storia: ma già è difficile credere a un viaggio nel tempo di Desmond, figuriamoci a quello di un altro personaggio. Si potrebbe aggiungere: se Desmond è davvero tornato indietro nel tempo, si è preso la mazzata di Jimmy Lennon al posto del barista. Come farebbe allora a sapere (quando fa la predizione nel pub) che Jimmy Lennon sarebbe entrato e avrebbe preso a mazzate il barista? Si potrebbe obiettare che, è verò, Desmond si prende la mazzata al posto del barista, ma poi Jimmy Lennon finisce il suo lavoro bastonando per bene il barista medesimo.
Ma più in generale questo discorso ci conduce al tipico “paradosso del nonno”: le azioni di un uomo tornato indietro nel passato hanno ripercussioni sul suo futuro. Desmond avrebbe potuto cambiare il corso degli eventi semplicemente comportandosi in modo diverso rispetto a quanto non avesse fatto nel suo “primo” passato, e questi cambiamenti avrebbero generato un futuro diverso, al punto che Desmond si sarebbe potuto risvegliare non nella giungla dell’isola ma in qualsiasi altro posto del mondo (persino in una bara sotto terra).
Un ultimo, piccolo dettaglio infine, a sconfessare questa teoria. E’ una frase di Mrs Hawking: “finirai sull’isola, dove passerai i successivi tre anni della tua vita a digitare quei numeri sul computer”. Mrs. Hawking dice “i successivi tre anni”, non “i prossimi tre anni”: non come se si trovasse in un presente e stesse parlando di un futuro, ma come se fosse avulsa da una dinamica temporale che pure sembra conoscere.
E poi: se Desmond ha viaggiato nel passato, come fa a conoscere il futuro?
(Nella teoria del viaggio del tempo c’è chi inserisce anche questioni di buchi neri come porte temporali che avrebbero permesso a Desmond di tornare nel passato).

.

 

DOTE Altra teoria: Desmond in realtà possiede già in natura il potere della preveggenza, e il Failsafe altro non è che un evento scatenante che risveglia in lui questo dono (e non dimentichiamo le botte in testa che prende, in passato, cadendo dalla scala e per mano di Jimmy Lennon). Quest’ipotesi ci può stare, tuttavia non abbiamo testimonianze precedenti di questa dote di Desmond, il quale sembra peraltro non capacitarsi molto di quello che gli accade nè essere in grado di controllare il suo potere. E poi: se davvero fosse stato già in grado di prevedere il futuro, perchè non ha previsto che sarebbe finito sull’isola? Perchè non ha previsto che la sua negligenza avrebbe fatto precipitare il volo 815?

.

 

LOOP Un’altra teoria è quella del loop temporale. Il loop è una sorta di circolo temporale, con un inizio e una fine, che si ripete continuamente e con esso i suoi eventi. Desmond si troverebbe dunque a vivere un loop di continuo, che comincia con la caduta dalle scale mentre dipinge il soffitto e termina con l’esplosione del bunker. Nel mezzo, il colloquio con Widmore, l’incontro con Charlie, la rinuncia a comprare l’anello, la rottura con Penny, l’arruolamento militare, il carcere, la regata, il naufragio, il bunker, la responsabilità del volo 815, e appunto il Failsafe. Quando si arriva alla fine (cioè al Failsafe), il nastro si riavvolge, e Desmond ricomincia a vivere daccapo tutti questi eventi, che si ripetono sempre uguali. Non c’è per lui la possibilità di cambiarli, anche se prova a farlo il risultato è sempre lo stesso. Ad un certo punto, però, Desmond prende coscienza del circolo vizioso in cui si trova e prova ad uscirne cercando di cambiare la rotta. Il loop temporale potrebbe anche spiegare eventuali premonizioni attribuibili agli altri personaggi di Lost, ma, oltre ad essere molto inverosimile, non si vede perchè Desmond debba avere un loop tutto suo e l’isola e gli altri personaggi vivere invece un altro loop.

.

 

L’ISOLA Il sogno ad occhi aperti potrebbe anche essere stato inviato a Desmond dall’isola, allo scopo di comunicare con lui proprio come si suppone faccia con Locke. Del resto, anche John (seppur con l’aiuto del suo preparato a base di erbe) ha avuto visioni di eventi che non poteva ancora conoscere (per esempio, il beechcraft, o la sorte di Sawyer, Jack e Kate), e sappiamo che il fumo nero (presunto braccio di cui l’isola è la mente) è in grado di scannerizzare il passato delle persone. Ma, insomma, questo pare qualcosa di più che un sogno indotto dall’isola, e poi Desmond non sembra essere l’interlocutore prediletto di questa “entità” misteriosa (prima ci sono Locke e il compianto Mr. Eko), che finora non ha nemmeno incontrato.

.

 

PER CHI VOLESSE SBIZZARRIRSI… Ci sono alcuni eventi in Lost che, alla luce di questo episodio, potrebbero (magari un po’ forzatamente) essere interpretati come premonizioni: Locke predice la pioggia nell’episodio 1×08; Rose che dice a Jack: “Mio marito non è morto” prima che i codisti raggiungessero il campo principale; le varie visioni di Eko (Yemi che gli dice di portare l’ascia e Ana Lucia sanguinante) e Locke (il beechcraft, l’orso polare,…); Walt che dice a Locke “Non l’apra!” riferito alla botola; e forse anche Charlie (reduce dal bunker) che alla fine della seconda stagione risponde così a Claire che gli chiedeva di Locke, Eko e Desmond: “Come, non sono ancora tornati?”

.

 

TERZO INCOMODO Inoltre si potrebbe ragionare anche su questo fatto: se Charlie è destinato a morire sull’isola, il primo che ha modificato il corso degli eventi (sottraendo Charlie al suo destino) è stato Jack, che quasi lo ha “resuscitato” quando fu impiccato da Ethan. E’ per questa mancata morte che l’universo deve “correggere la rotta”? (volendo vedere, Charlie se la stava vedendo male anche quando è entrato nella grotta per salvare Jack intrappolato sotto la frana, ma in quel caso se la cavò da solo).

.


QUANDO Sull’isola è sempre il 3 Dicembre 2004 (73esimo giorno dallo schianto del volo 815), lo stesso giorno in cui Jack opera Ben e Sawyer e Kate riescono a fuggire: Desmond salva Claire, poi alla sera si ubriaca con Charlie e Hurley.
Il “sogno ad occhi aperti” di Desmond è ambientato nel 1996 (data confermata dagli autori): è l’anno in cui Desmond va a colloquio da Widmore, incontra Charlie, va a comprare l’anello ma non lo compra, fa la foto con Penny ma poi la lascia. Di Desmond sappiamo poi che uscirà dal carcere il 4 aprile 1999, che partecipa alla regata intorno al mondo nel 2001 e in quell’occasione naufraga sull’isola (vi resterà infatti tre anni).

.

 

DOVE I fatti di questo episodio sono tutti ambientati al campo dei naufraghi (non vediamo infatti gli Altri e Jack, rimasto nelle loro mani). I fatti del “sogno ad occhi aperti” di Desmond sono ambientati a Londra. (clicca qui per vedere la mappa ingrandita)

 

.

Curiosità:.


 

HAWKING Il cognome della gioielliera che predice il destino di Desmond è lo stesso dell’autore del libro “A brief history of time” che Aldo (uno degli Altri) legge nella puntata 3×07 (Stephen Hawking).

.

 

SERPENTE La fibbia che Mrs. Hawking indossa sul suo mantello rappresenta un uroboro, un serpente mitologico che si morde la coda: simboleggerebbe l’eterno ritorno (un richiamo alla teoria del loop temporale?), l’infinito.

.

 

MAYBE Quando Desmond riconosce Charlie a Londra, il musicista si sta esibendo nella canzone “Wonderwall”, degli Oasis. Il testo non è proprio casuale: “Maybe you’re gonna be the one who saves me” (Forse tu sarai colui che mi salverà).

.

 

CITAZIONI Anche quest’episodio è ricco di citazioni cinematografiche e letterarie: Desmond che getta l’anello in acqua è ispirato chiaramente al “Signore degli Anelli”; la morte che insegue Charlie è modellata su “Final Destination”; il personaggio di Mrs. Hawking ricorda molto l’oracolo di “Matrix” (e la sua stanza piena di orologi), mentre l’uomo dalle scarpe rosse è un chiaro omaggio al “Mago di Oz”; infine, il generale McCutcheon è un personaggio del film ispirato a “20.000 leghe sotto il mare” di Jules Verne: in quel film recitava anche Adewale Akkinuoye-Agbaje, l’attore che interpreta(va) Eko.

.

 

ARTE All’interno dell’ufficio di Charles Widmore c’è un quadro molto particolare: vi si riconoscono un orso polare, un buddha capovolto e la scritta Namaste all’incontrario. Viene da chiedersi se le Industrie Widmore ((produttrici già della mongolfiera di Henry Gale e del test di gravidanza di Sun, entrambi finiti sull’isola) ) siano in qualche modo legate al progetto Dharma.

.

 

ARTE/2 Nell’ufficio del signor Widmore ci sono anche altri quadri: indovinate chi è l’autore? Thomas, l’ex ragazzo di Claire nonchè il padre di Aaron. (in realtà, i quadri sono stati realizzati da uno degli autori di Lost)

.

 

TEMPO Sappiamo che il flashback di Desmond è collocabile intorno al 1996, mentre vediamo l’interno dell’appartamento di Thomas e Claire a inizio 2004 (Claire ha appena scoperto di essere incinta, e partorirà sull’isola nell’autunno 2004): sembrerebbe quasi che Thomas stia lavorando nel 2004 ai quadri che Widmore possiede già nel 1996, ma possiamo ipotizzare semplicemente che Thomas abbia fatto i quadri prima del 1996 e poi se li sia tenuti in casa per gli anni successivi. Rimane piuttosto oscuro, invece, come mai un uomo potente come Charles Widmore abbia nel suo ufficio quadri di un artista dilettante come Thomas.

.

 

GERONIMO Ecco il vero nome di Charlie: Charlie Hieronymus Pace. Un riferimento anche ai Geronimo Jackson (gruppo musicale sempre citato in Lost)?

.

 

BEVIAMOCI SU In quest’episodio, il wisky McCutcheon compare per ben tre volte: nell’ufficio di Charles Widmore, che ne decanta le qualità, nel pub dove si reca Desmond e (chissà chi ce l’ha portato) nella tenda di Sawyer.

.

 

 

POLAROID Ripercorrendo con Desmond il suo passato veniamo a conoscere le circostanze in cui è nata la fotografia che Desmond porta sempre con sè: è stata scattata a Londra, il porto alle spalle è un semplice fondale finto, Penny l’ha pagata cinque sterline ad un artista di strada che l’ha realizzata con una polaroid. Ci sono delle leggere differenze fra la fotografia e la scena “vera”, ma è dovuto al fatto che la scena a Londra è stata girata dopo aver scattato la foto ai due attori, e quindi si è trattato di ricostruire nel dettaglio quello scatto.

.

 

DICKENS Desmond ritrova la sua foto, miracolosamente intatta quanto lui, nelle vicinanze del cratere in cui è sprofondato il bunker. C’è un altro oggetto da cui Desmond non si separa mai: il libro “Our mutual friend”, di Dickens. E’, a suo dire, l’ultimo libro che leggerà prima di morire, e ne ha molta cura anche in circostanze avverse (in carcere, durante il naufragio). Chissà che fine avrà fatto…

.

 

VIRAL Nei tabelloni pubblicitari della partita che Desmond guarda nel pub la prima sera (quando sbaglia la previsione) ci sono sponsor a noi noti: l’Apollo Candy, la Hanso Foundation, la Oceanic, Mr. Cluck’s (vi lavorava Hurley, che dopo la lotteria compra l’intera catena), Butties Diapers (il prodotto per cui i driveshaft posano in pannolone), Gannon Car Rentals (un autonoleggio citato qua e là in Lost), e le misteriose Exposè, Radio RPR e Kronos (ques’ultima sarebbe una pubblicità “vera”).

.

 

FOOTBALL Malgrado Desmond, facendo la previsione sulla partita di calcio, citi la squadra dei Graybridge, la partita trasmessa dalla tv la seconda sera in cui è al pub è Barcellona-Real Madrid, finale di Coppa del Re del 1989: l’azione mostrata è quella del gol di Laudrup (anche questa è un’incongruenza temporale: gli eventi si svolgono nel 1996, probabilmente è un errore di produzione e nulla più).

.

IN TRAPPOLA Parlando con Penelope, Desmond definisce il suo appartamento “trappola per topi”: è il nome del gioco che Locke tenta di vendere nell’episodio 1×19.

 

 

 

.


.


   

  

.
Frasi da ricordare:

Charlie: Lui vorrebbe che lo facessimo…
Hurley: Vorrebbe che rovistassimo tra le sue cose e le prendessimo? Certo, è proprio tipico di Sawyer!
Charlie: Comunque, lui le aveva rubate. E poi abbiamo bisogno di cibo, ci servono scorte di medicinali, ci serve… una scioccante quantità di pornografia…

Desmond: Charlie…
Hurley: Uh! Desmondo…
Desmond: Dovete venire con me.
Hurley: Avete trovato Eko?
Desmond: Tutti e due.

Charlie: Che è successo?
Locke: Eko è morto.
Sayid: Abbiamo trovato il suo corpo nella giungla… lo abbiamo seppellito ieri.
Charlie: Come è morto?
Locke: L’ha ucciso l’isola.
Charlie: Che vuol dire l’ha ucciso l’isola? Che vuol dire l’ha ucciso l’isola?
Locke: Lo sai che vuol dire. Con l’assenza del dottore nel campo c’è già abbastanza tensione. Facciamo in modo che non aumenti. Tutti osserveranno voi due, per vedere come reagite. Quindi quando racconterò quel che è successo dovrete aiutarmi a tranquillizzarli…
Hurley: Coso, stai bene? Ehi, ragazzi, che cos’ha Desmond?

Locke: C’è qualcun altro in acqua.
Charlie: Dov’è Claire?
Sun: E’ a fare una passeggiata, le tengo il bambino…
Charlie: Claire!

Charlie: Claire!
Desmond: Indietro Charlie, so quello che faccio!
Charlie: Sta respirando? Non respira!
Desmond: Avanti!
Charlie: Vuoi che ti aiuti?

Desmond: Si riprenderà, ci penso io Charlie!
Charlie: Dove stai andando? Ehi, come facevi a saperlo? Come sapevi che stava annegando?
Hurley: Te lo dico io, coso… quello lì vede il futuro.

Desmond: Come ti senti?
Claire: Ancora un po’ scossa… Vado a nuotare tutti i giorni e… la risacca mi ha trascinata via e… se tu non fossi…

Hurley: Locke capisce solo quello che riguarda coltelli e pesca…
Charlie: C’è poco da capire, non mi bevo queste scemenze sulla precognizione: se il veggente barbuto sapesse predire il futuro non sarebbe finito qui! Be’, qualsiasi cosa gli sia successa, dobbiamo scoprire di che cosa si tratta.
Hurley: Lui sarà al corrente del tuo piano prima che tu lo abbia ideato…
Charlie: In questo caso… dovremo farlo bere tanto da ubriacarlo.

Charlie: Questa mattina non mi sono mostrato molto riconoscente… per aver salvato Claire.
Desmond: Non me la sono presa.
Charlie: Grandioso! Ho un’offerta di pace, per rendere ufficiale la tregua…
Desmond: Grazie, no. Mi sono ubriacato troppo spesso ultimamente…
Charlie: Non siamo alla tua altezza? d’accordo, come vuoi. Prenderemo la bottiglia e ce ne andremo.
Desmond: Che tipo di wisky è?
Charlie: Oh… ehm, c’è scritto MacCutcheon.
Desmond: Ah, ah, ah… D’accordo allora, assaggiamolo! No, dalla bottiglia: se siete qui per bere, beviamo!

In coro: Aveva le tette molto grandi e beveva solo vodka, infame e calda!

Charlie: Desy….
Desmond: Salute!
Hurley: Le vostre canzoni parlano tutte di bevute e ragazze con tette grandi?
Charlie: Be’, ragazze con tette grandi e…
Desmond: cuore d’oro!

Charlie: Allora, Desy, voglio chiederti una cosa…
Desmond: Di’ pure, fratello!
Charlie: Come sapevi che  stava annegando?
Desmond: No, l’ho sentita chiamare per chiedere aiuto.
Hurley: Non credo: eravamo troppo lontani.
Desmond: Ah… Be’, immagino di avere un buon udito…
Charlie: Tu… senti anche i fulmini?

Charlie: Non so che cosa tu stia facendo ma ti conviene dircelo! Ehi! Pensi che aver girato la chiave faccia di te un eroe? Non sei un eroe! Non so come tu faccia a fare certe cose ma riconosco un codardo quando lo vedo!
Desmond: Non ti piacerebbe sapere quello che mi è successo quando ho girato quella chiave! Non vorresti saperlo! Non vorresti saperlo! Tu non lo vuoi sapere!

Penelope: Oh mio Dio, oh mio Dio, oh mio Dio! Desmond, stai bene? Resta lì, prendo del ghiaccio! Ti senti bene? Tesoro, tutto bene? Questo è quello che succede a mettere insieme scala, pittura del soffito e alcol… Stai bene? Hai nausea?
Desmond: Questo… è il mio appartamento…
Penelope: Aha… ma se vuoi che io mi senta a casa mia potresti chiamarlo nostro appartamento… Quante dita vedi? Amore, guardami. Che cos’hai?
Desmond: Assolutamente niente.

Penelope: Lo sai che non hai bisogno di lavorare per mio padre…
Desmond: Non è per il lavoro, voglio ottenere la sua stima.
Penelope: E allora ti stimerà… Ma se fosse troppo tonto per capire quanto sei brillante non sarà la fine del mondo!
Desmond: …che cosa hai detto?
bip! bip! bip!
Penelope: Tieni amore. Stai bene?
Desmond: Sì… sì, sto bene. Solo… ho avuto un piccolo dejà vu, tutto qui…

Fattorino: Ciao, tesoro! Ho qui un pacco per l’815.
Desmond: Mi scusi… che cos’ha detto?
Fattorino: Ho detto che ho una consegna per l’815.
Segretaria: Può andare. Il signor Widmore la sta aspettando.
Desmond: Grazie.

Charles Widmore: Penny non mi ha detto che facevi l’attore, Desmond…
Desmond: Oh, no: facevo lo scenografo, per la Royal Shakespeare Company.
Charles Widmore: Notevole. Non hai frequentato l’università?
Desmond: No, signore. Mi sono occupato dei miei fratelli dopo che mia…
Charles Widmore: Qualche esperienza militare?
Desmond: No, signore… E’ bellissima… la sua barca.
Charles Widmore: La mia fondazione sponsorizza una regata in solitario attorno al mondo. Qualcosa non va?
Desmond: No… no, signore.
Charles Widmore: Bene Desmond, farò in modo di trovarti un posto nel nostro reparto amministrativo. Non sarà un lavoro strepitoso ma è un inizio… Parlerò con l’ufficio del personale.
Desmond: Col dovuto rispetto, signore… non sono venuto a chiederle un posto di lavoro nella sua azienda.
Charles Widmore: Ah no?
Desmond: No, signore. Sono venuto qui per chiederle il permesso di sposare sua figlia. Ormai ci frequentiamo da due anni, e… viviamo insieme e… io la amo. Il suo consenso significa tutto per me.
Charles Widmore: Sono colpito, Hume. Un gesto molto nobile… Ti intendi per caso di wisky?
Desmond: No, temo di no, signore…
Charles Widmore: Questo ha 60 anni, è un McCutcheon. Prende il nome da Anderson McCutchoen, sitmato ammiraglio della marina militare. Si è  congedato con più medaglie che chiunque altro prima e dopo di lui. Negli ultimi anni si era trasferito nelle Islands… L’ammiraglio McCutcheon era un grand’uomo. Questo è stata la sua impresa suprema. Questo sorso vale più di quanto guadagneresti in un mese. Offrirlo a te sarebbe uno spreco, e un’offesa al grand’uomo che l’ha prodotto… perchè tu, Hume, non sarai mai un grand’uomo.
Desmond: Signor Widmore… io so che non sono…
Charles Widmore: Tu non sei neanche degno di bere il mio wisky… come potresti essere degno di mia figlia?

Desmond: Io ti conosco… Come mai ti conosco?
Charlie: Grazie, lascia anche il numero se vuoi!
Desmond: Come mai ti conosco?
Charlie: Io non…
Desmond: Dove ci siamo già visti noi due?
Charlie: Senti, non lo so… mi verrà in mente se mi dai una mano…
Desmond: Ehi! Tu sei Charlie…
Charlie: Sì, c’è il nome sul cartello.
Desmond: No… c’era… è stato nel bunker! Mi ricordo di averti visto. C’era… c’era un computer, c’era un pulsante… noi eravamo su un isola!
Charlie: Siamo su un’isola, questa è l’Inghilterra…
Desmond: No, era reale! Io mi ricordo!
Charlie: Ehi, va bene, è per questo che non bisogna drogarsi, vedete?
Desmond: No, questo me lo ricordo, è già successo prima! Oggi, oggi! Questo è successo oggi! Questo… questo… mi ricordo che ha detto che non ero degno di lei… e poi sono venuto qui e mi sono tolto la cravatta… e poi l’ho persa, e Penny ha detto ‘dov’è successo?’ e poi… è cominciato a piovere e…
[rombo di tuono, e comincia a piovere]

Donovan: La tua tesi è troppo precisa. Le incognite, vedi, rendono tutto imprevedibile: fa’ lo stesso test dieci volte e avrai dieci risultati diversi. E’ questo che rende la vita meravi…
Desmond: Donovan!
Donovan: Ecco, appunto: chi poteva prevedere che uno Scozzese fradicio sarebbe apparso qui?

Desmond: Devo chiederti una cosa.
Donovan: Ma certo, di’ pure.
Desmond: Che cosa sai dei viaggi nel tempo?

Donovan: Sei impazzito per caso?
Desmond: Dimmi solo se è possibile.
Donovan: Quale parte? L’isola piena di misteriosi bunker o il computer che evita la fine del mondo?
Desmond: No, senti… dimentica di essere il mio migliore amico. Come fisico, è possibile che io sia in qualche modo tornato indietro nel tempo e che stia in qualche modo rivivendo la mia vita?
Donovan: Ah ah ah!
Desmond: Non è divertente, Donovan!
Donovan: Il padre di Penny ti strapazza perchè non sei un grand’uomo e… voilà! Tu sogni un futuro in cui premi un pulsante per salvare il mondo!
Desmond: Tutto questo non è solo nella mia testa! Ricordo le cose che succedono.
Donovan: E va bene… che succede adesso?
Desmond: Non funziona così… Non mi ricordo tutto, solo… ho solo alcuni flash.
Donovan: Piuttosto comodo…
[parte la canzone “Make your own kind of music”]
Desmond:
Aspetta! Questo me lo ricordo… Questa canzone… il jukebox!
Donovan: Desmond, mi stai preoccupando…
Desmond: Mi ricordo questa sera. Il Greybridge rimonta due gol di svantaggio nei minuti finali e vince, è un miracolo. E dopo che hanno vinto, Jimmy Lennon entra e colpisce il barista con una mazza da cricket perchè gli deve dei soldi!
Donovan: Senti, sul serio…
Desmond: Zitto, ti prego. Sta’ a vedere: ora segna il primo gol!
Speaker: “…è libero in posizione di tiro, parte il cross… parata!”
Desmond: No… no, loro rimontano… vincono… Jimmy Lennon… la mazza da cricket…
Donovan: Non esistono i viaggi nel tempo. E per quanto ne sappia, anche il vero amore non esiste. Quindi, se ami Penny, piantala di arrovellarti, e sposala.

Penelope: Puzzi come un pub…
Desmond: Già, perchè ero in un pub.
Penelope: Non hai avuto il lavoro?
Desmond: No.
Penelope: Mio padre cos’ha detto?
Desmond: Tuo padre è stato… adorabile.
Penelope: Sé…
Desmond: Abbiamo convenuto entrambi che non ho… le qualifiche necessarie.
Penelope: Be’, io dico di festeggiare. Festeggiamo il destino che ti ha risparmiato una triste esistenza alle dipendenze delle industrie Widmore. Ti invito a pranzo domani, mangeremo aragosta al molo… offro io.
Desmond: Non essere riuscito a far colpo su tuo padre non è un’occasione da festeggiare…
Penelope: L’occasione è che ti amo.
Desmond: Perchè? Perchè mi ami?
Penelope: Perchè sei un uomo buono… e per esperienza so che è difficile trovarne. Ehi… Desmond, dove sei ora?
Desmond: Qui con te.

Mrs. Hawking: Non l’ha mai fatto prima, vero?
Desmond: E’ così evidente?
Mrs. Hawking: Riconosco sempre chi è alla prima volta. Allora, posso chiederle che cifra intende spendere?
Desmond: Non sono un uomo ricco.
Mrs. Hawking: Oh…
Desmond: Spero di diventarlo, un giorno…
Mrs. Hawking: Ho quello che fa per lei! Questo anello non abbaglierebbe certo una regina, ma è dotato comunque di una scintilla vitale.
Desmond: Lo prendo.
Mrs. Hawking: Come, scusi?
Desmond: E’ perfetto, lo prendo.
Mrs. Hawking: No, niente affatto. Mi dia l’anello, me lo dia.
Desmond: Non capisco…
Mrs. Hawking: E’ sbagliato: tu non compri l’anello, tu… tu ci ripensi, e poi esci da quella porta. Quindi avanti, dammelo.
Desmond: Non so di che stia parlando…
Mrs. Hawking: Tu non compri quell’anello, Desmond.
Desmond: Come sa il mio nome?
Mrs. Hawking: Be’, so il tuo nome come so che non chiederai a Penny di sposarla… anzi, le spezzerai il cuore. Spezzarle il cuore ovviamente è ciò che ti spingerà fra qualche anno a iscriverti a quella regata per dimostrare che suo padre ha torto. Così finirai sull’isola, dove passerai i successivi tre anni della tua vita a digitare quei numeri sul computer. Finchè non sarai costretto a girare quella chiave di sicurezza. E se tu non farai tutte queste cose, Desmond David Hume… ogni persona sulla terra morirà. Quindi dammi quel maledetto anello!

Desmond: Chi è lei?
Mrs. Hawking: Ti piacciono le caldarroste?

Mrs. Hawking: Quell’uomo laggiù indossa delle scarpe rosse.
Desmond: E allora? Che c’entra?
Mrs. Hawking: E’ una scelta di stile coraggiosa, vale la pena notarla…
Desmond: Non sta succedendo sul serio, vero?
Mrs. Hawking: Scusa?
Desmond: Ho battuto la testa… tu sei il mio subconscio…
Mrs. Hawking: Ma davvero?
Desmond: Tu vuoi convincermi a non sposare Penny. Be’, sappi che non ci riuscirai!
Mrs. Hawking: Oh sì, invece.
Desmond: No. Non c’è l’isola, non ci sono pulsanti… è follia! Io la amo, lei mi ama, passerò il resto della mia vita insieme a lei.
Mrs. Hawking: No, Desmond, non lo farai.
[crollo di un’impalcatura che travolge l’uomo con le scarpe rosse]
Desmond:
Oh, mio Dio! Sapevi che sarebbe successo, vero? Perchè non l’hai impedito? Perchè non hai fatto qualcosa?
Mrs. Hawking: Perchè non sarebbe cambiato nulla. Se l’avessi avvertito dell’impalcatura, domani sarebbe stato investito da un taxi. Se l’avessi avvertito del taxi si sarebbe spezzato il collo scivolando nella doccia. L’universo purtroppo trova sempre il modo di correggere la rotta. Era previsto che quell’uomo morisse: quello era il suo destino. Esattamente come il tuo destino è arrivare su quell’isola. Non lo farai come una tua libera scelta, Desmond: lo farai perchè è previsto che tu lo faccia.
Desmond: Tra un’ora incontrerò Penny, le darò l’anello, lei dirà di sì. Posso scegliere quello che voglio!
Mrs. Hawking: Il tuo destino potrà non piacerti, Desmond… ma premere quel pulsante sarà l’unica cosa importante che riuscirai a fare davvero.
Desmond: Quanto devo per l’anello?

Fotografo: Ehi, una foto agli innamorati?
Desmond: No, grazie.
Fotografo: Qualcosa da mostrare ai nipotini…
Penelope: E dai, facciamola! Per tutti quei nipotini…

Fotografo: Vediamo che cos’ho qui per voi… Uno splendido deserto?
Penelope: No…
Fotografo: Niente deserto, d’accordo. Ecco, ho trovato: le Alpi.
Desmond: Io adoro le Alpi…
Penelope: Io le odio, invece.
Fotografo: Ok, niente Alpi. Ah, ecco qua: un magnifico porto come sfondo!
Penelope: Sì, quello! Usiamo quello.

Desmond: Non ce la farei mai…
Penelope: Che dici?
Desmond: Non posso farlo…
Penelope: Non puoi fare che cosa?
Desmond: Noi. Questo… il nostro rapporto…
Penelope: Di che stai parlando?
Desmond: Come posso, io… Non posso prendermi cura di te… io… non ho un lavoro, non posso neanche permettermi cinque sterline per una fotografia… Meriti qualcuno migliore di me.
Penelope: So io che cosa merito. Ho scelto di stare con te, amo te.
Desmond: L’amore non è abbastanza, essere un uomo buono non basta…
Penelope: Che cos’è questa storia, che cosa ti viene in mente?
Desmond: Sta succedendo tutto troppo in fretta: il tuo trasloco… dipingi la casa, sposti le cose, a me neanche piace il rosso… e perchè dovresti lasciare il tuo lussuoso appartame…
Penelope: Non ci provare! Non fingere che non ti importi! E non cambiare le carte in tavola: ho lasciato il mio appartamento perchè tu eri troppo orgoglioso per abitarci. Se vuoi che me ne vada… se vuoi che vada via, allora… non tirare in ballo la scusa di quello che mi merito o meno. E abbi la decenza di ammettere che lo stai facendo perchè sei un codardo.
Desmond: Mi dispiace, Penny… ma questo… non è previsto che stiamo insieme…

Barista: Che cosa prende?
Desmond: Dammi… la birra più economica. Sto festeggiando…
Barista: Oh! Cosa festeggia?
Desmond: Credo di aver fatto lo sbaglio più grosso della mia vita. E la cosa peggiore è che… sono quasi sicuro di averlo già fatto.
Barista: E’ quello che chiamano dejà vu, amico.

Desmond: Avevo sbagliato sera! Avevo ragione… ero una sera in anticipo. Ho sentito la canzone e poi… me lo ricordo! Non sono impazzito! Posso ancora cambiare le cose! Posso ancora cambiare tutto! Jimmy Lennon…
Jimmy Leenon: Ehi tu, dove sono i miei soldi?
Desmond: Sta’ giù, fratello!

Desmond: No… no! Oh, no… Ti prego, lasciami tornare indietro… lasciami tornare indietro ancora una volta… Farò tutto giusto, tutto giusto stavolta! Mi dispiace, Penny… cambierò le cose… cambierò le cose…

Desmond: Non importa quello che fai, non lo puoi cambiare… Non lo puoi cambiare, per quanti sforzi tu faccia non lo puoi cambiare…
Charlie: E’ ubriaco, portiamolo in tenda…

Desmond: Sei un bravo ragazzo, Charlie, mi dispiace di aver tentato di strangolarti…
Charlie: Tranquillo, amico… Scusa se ti ho dato del codardo.
Desmond: Avevi ragione, fratello…
Charlie: Desmond… devi dirmi che cosa ti è successo.
Desmond: Quando ho girato quella chiave, la mia vita mi è passata davanti agli occhi come un flash… e mi sono ritrovato nella giungla, ancora in questa maledetta isola. Ma quei flash, Charlie… quelle visioni non erano finite!
Charlie: Quindi mi stai dicendo che hai avuto una visione di Claire che annegava stamattina, e dovevi salvarla?
Desmond: Non stavo salvando Claire, Charlie… stavo salvando te. Questa mattina sei stato tu a tuffarti per Claire… hai cercato di salvarla, ma… sei… sei annegato.
Charlie: …Di che stai parlando? Non sono annegato.
Desmond: Quando ho visto il tetto colpito dal fulmine… tu sei stato fulminato. E quando hai sentito Claire gridare in acqua … tu sei annegato per salvarla. Mi sono tuffato io per non farti entrare in acqua, ho tentato fratello, ho tentato due volte di salvarti, ma… l’universo trova sempre il modo di correggere la rotta, e io non posso impedirlo per sempre. Mi dispiace, mi dispiace perchè… per quanto io cerchi di fare, tu morirai, Charlie.

.

.

.

Video:

I flash che Desmond vede subito dopo aver girato la chiave di sicurezza (slow motion)

Riassunto a suon di musica (versione tedesca)

Piccoli Oasis crescono (versione originale sub ita)

Tre ubriaconi (versione originale)

L’incontro con Mrs. Hawking (in italiano)

L’incontro con Mrs. Hawking (versione originale)

You’re gonna die, Charlie!

Desmond David Hume

. 

Lascia un commento! (evitando gli spoiler)

 


<<< Vai a Lost 3×06

<<< Vai The Lost Experience #44

>>> Vai a Find 815 – Tappa #6

 

 

.

Annunci

Azioni

Information

31 responses

18 01 2008
marfun

o mio dio che poema…. anocra devo entrare nel vivo della discussione (devo leggere da “E MRS. HAWKING?”, ancora ho voglia) ma devo andare….

volevo solo far notare, per ora, che la foto del quadro è solo una parte di film riflesso, secondo me. mi spiego. in una foto poco più giù si vede lo studio da dietro e i quadri sono a sinistra di des, mentre quando des vede il quadro lo vede alla sua destra. questo perchè chi ha fatto il montaggio ha preso quel clip è l’ha messo riflesso. proprio come è successo nel finale di stagione 2 quando charlie entra nel bunker e trova des che cerca la chiave per il failsafe. anche lì c’era una clip riflessa… la domanda è: perchè?

18 01 2008
alteraego

Eh, eh, devi ancora leggerti la parte migliore 😉
La questione dei clip rovesciati l’ho volutamente tralasciata per evitare di complicare ulteriormente la riflessione sulla puntata (a mio parere non hanno grande incidenza per quanto concerne il presunto viaggio di Desmond)

18 01 2008
fdp82

Una piccola intuizione sulle visioni di Desmond.
Desmond GIRA la chiave.
Si ritrova nel PASSATO (con la mente?)(e che quindi non cambieranno il futuro), nel suo appartamento e riceve visioni FUTURE (di tutto quello che vivrà nell’isola).
Desmond prende una botta in testa.
Desmond è sull’isola, e riceve visioni FUTURE (di tutto quello che avverra a Charlie) (con la mente?)(e che quindi non cambieranno il futuro?).
E se il PRESENTE non fosse poi cosi presente (per Desmond almeno) ?
Per logica mi viene in mente che tutte le visioni di Desmond, possano essere frutto di un ennesimo failsafe.
Desmond RIGIRA la chiave (come e dove, se fosse cosi, ci verrà spiegato in futuro).
Si ritrova nel PASSATO (cioè sull’isola che per il resto dei Losties è PRESENTE) ed ha visioni che per noi, i losties, e una parte dello stesso Desmond sono FUTURE, ma che in realtà sono gia accadute.

Questa non è proprio una teoria, è un semplice spunto, che potrebbe, almeno in teoria, dare una spiegazione “logica” alle visioni. In pratica le puntate in cui desmond ha delle visioni, altro non sono che ricordi “sfasati” di un Desmond FUTURO ricorda un passato “cambiabile”. Cosi come è successo in questo episodio.
Che ne dite? (lo so, un altro failsafe è un ipotesi azzardata) (mah, chissà! ; )

18 01 2008
Gretchen

Un altro piccolo spunto dal podcast ufficiale rilasciato dagli autori a febbraio che vi invito a leggere…c’è un particolare tangibile che starebbe a testimoniare che il viaggio nel passato di desmond non è immaginario ma “reale”: ci sono al presente due copie della foto scattata con penny a londra, una ce l’ha des, e l’altra ce l’ha penny sul comodino (finale 2 serie).
Si tratta di una polaroid che nell’episodio vediamo scattata in una sola copia e consegnata alla coppia pochi minuti prima che si lasciassero per lungo tempo…se ora entrambi ne hanno una può essere che nella prima realtà l’abbia tenuta penny e nella realtà rivissuta l’abbia tenuta desmond, oppure che in una delle due realtà che non abbiamo visto, ne abbiano scattate due.

18 01 2008
DESTINY1991

una precisazione: claire finisce in acqua travolta da un’onda, di certo non per il desiderio di farsi un bagno…

18 01 2008
alteraego

a destiny: leggi i dialoghi della puntata che ho riportato, Claire dice che voleva fare il bagno (certo, poi al largo l’ha trascinata la corrente) 😉

Avanti con le ipotesi

18 01 2008
Anonimo

alter…smettila con la droga !!!

18 01 2008
elisa

oddio ora ci mancano solo i clip rovesciati!mi sono un pò persa sulla storia dei mondi possibili, e poi nn capisco una cosa, ma perche charlie deve per forza morire?

18 01 2008
alteraego

Anonimo… in effetti, dovrei smettere 😆

Elisa, Charlie “deve” morire perchè è il suo destino, perchè se non muore l’universo corregge la rotta e lo fa morire in un altro modo, perchp (secondo la mia teoria) i mondi possibili che Desmond va via via determinando come reali con le sue azioni sono mondi in cui comunque Charlie muore: con le sue azioni Desmond “fa passare” l’universo in mondi possibili via via più lontani da quello che ha visto dopo il failsafe (in cui Charlie muore fulminato), ma non così lontani da non contenere più al loro interno la morte di Charlie (che semplicemente avviene in altri modi)

Cmq la mia teoria ha molti punti deboli, soprattutto quando cerca di spiegare le anticipazioni sul futuro; quando invece spiega il viaggio “nel passato” mi convince.

19 01 2008
Phoenix_182

Oltre alle spiegazioni sulle “previsioni” di Desmond, la cosa che più mi incuriosisce è come mai nel bunker del Cigno si trovasse un murales simile ai quadri di Thomas (l’ex ragazzo di Claire)!

19 01 2008
alteraego

Non avevo mai pensato a un collegamento… sinceramente penso siano opere di autori diversi (anche perchè Thomas, fin qui, ha fatto una breve apparizione nel fb di Claire e basta)

19 01 2008
alteraego

Quanto ai discorsi fatti da Lindelof e Cuse nei loro podcast in cui commentano le puntate, innanzitutto bisogna sottolineare come questi podcast siano contraddistinti da un elevato grado di ilarità, in cui i due autori di Lost tutto fanno fuorchè essere seri. E mentre se la spassano, qua e là gettano informazioni volte a prendere in giro i fan e a farli arrovellare ancor più in dubbi inutili, e buttano lì qualche indizio che invece può fornire una risposta. Ecco nello specifico quello che hanno detto sull’episodio in questione:
“Yeah, I guess it wasn’t really quite a flashback in the, in the conventional sense of the way that we do flashbacks on the show, you know, the reality of it is, this is more the experience that he had when he turned the fail safe key and obviously as evidenced by certain future memories that he’s having during his flashback” (Quello di Desmond non è stato un vero e proprio flashback, nel senso tradizionale in cui siamo soliti vedere i flashback in Lost; piuttosto, si tratta dell’esperienza che ha avuto quando ha girato la chiave di sicurezza e come ovviamente avrete capito in virtù di alcune reminiscenze che ha avuto durante il suo flashback).

“C.Cuse: did it really happen?
Damon Lindelof: Uh, yeah! I think it really happened. I mean –
Carlton Cuse: I think it did to.
Damon Lindelof: You know, one of the things that we’ve tried very rarely to do on the show is to, to play something as only having been imagined or dreamed. And you know, I’d, I would, I would say that in the global sense of things, that Desmond, back in, you know back in the, the year 1996, actually had that experience. Now, I would venture to guess that in future flashbacks of Desmond’s, that they would be, treated as traditional flashbacks where he doesn’t really have any awareness of his destiny”
(-è successo davvero?
– sì, penso sia successo davvero. Voglio dire…
– lo penso anch’io
– vedete, una delle cose che molto raramente abbiamo provato a fare nello show è recitare qualcosa come se fosse stato soltanto immaginato o sognato. E direi che, nel senso generale delle cose, in passato, nell’anno 1996, Desmond ha avuto questa esperienza. Ora, mi azzarderei a dire che nei prossimi flashback di Desmond… saranno impostati come flashback tradizionali in cui non avrà anticipazioni del suo destino.)

Quindi, gli autori non hanno nè confermato nè smentito che Desmond sia davvero tornato indietro nel tempo, e lasciano aperte molte possibili interpretazioni

19 01 2008
marfun

io sono per la teoria della “dote” che però non spiega perchè Mrs. Hawking sappia quello che sa.
la tua teoria però, alter, mi piace, ma solo la prima parte, quella del viaggio mentale. questa prima parte non spiega però un particolre di una puntata prossima 8credo che tu abbia intuito, l’hai anche detto su un (IL) forum. ma poi ne riparlermo quando sarà strasmessa su rai2.
la seconda parte invece la trovo troppo da locke che si fa di erbe dentro la capanna (hai fatto lo stesso per arrivare a queste supposizioni?). forse è perchè non ho capito cosa tu volessi dire, tra MR, MRR, Mp1, Mp2 e così via mi sono un perso.
da quello che ho capito, non mi covince il fatto che un mondo possibile per desmond (i modi in cui charlie muore) debba necessariamente poi diventare reale. se è un mondo possibile ci può stare che diventi reale ma non che uno pensa a un mondo possibile e subito la realtà va in quel modo. sarebbe verò e proprio culo, non so se mi spiego.

comunque bel trip mentale. siccome io non riesco a farmene sono andato subito sulla “dote” cosa che sostengo da tempo, ma anche quella con molte lacune

19 01 2008
alteraego

Sì, il fatto che il mondo possibile cui Desmond dà vita con le sue azioni diventi il mondo reale è arbitrario, e l’unica spiegazione è che il Failsafe abbia causato questa possibilità (oltre a far vedere il proprio passato e futuro).
Se devo essere sincero, la seconda parte non convince neanche me… 😆

Però la teoria della dote non mi piace troppo, anche perchè non spiega Mrs. Hawking (2 personaggi con la dote della preveggenza? mah…)

21 01 2008
Fanione

Complimenti Alter per il tuo lavoro! E’ molto convincente….e desmond è un mito….uno dei personaggi migliori! comunque secondo me la vecchia è una della dharma. dal momento che desmond gira la chiave ci sarebbe stato il tempo per rapirlo (parlo di persone della dharma initiative) e di mettergli in testa tutta questa storia?

21 01 2008
omoteticamalga

o forse mrs Hawking e’ della dharma, quello che des rivive e’ quello che realmente gli e’ successo prima di arrivare sull’ isola, in qualche modo “filtrato” dall’ esplosione del bunker.
in pratica, come spesso avviene nei deja-vu associa elementi del passato reale a quelli del presente ( o in caso di des di un “sogno”)
forse des ha realmente visto la vecchia, e solo nel sogno e’ riuscito a collocarla come elemento “stonante” della vicenda.

cio’ non spiega le visioni cmq

21 01 2008
alteraego

Fanione: tu dici rapirlo dopo il failsafe… credo intendi rapirlo, indurgli il suo sogno ad occhi aperti (ma come? tramite la stazione Dharma sulla parapsicologia?) e poi rimetterlo nella giungla? A che pro?

credo anch’io che Des riviva mentalmente quello che gli è successo in passato alla luce di ciò che ha già vissuto (e quindi “filtrando” il tutto)… però non credo che Mrs. Hawking sia della Dharma

22 01 2008
Fanione

hai ragione Alter. non ci sono vantaggi che la dharma initiative possa avere da questo. Grazie

22 01 2008
Greg

Concordo con la tua teoria… infatti molte cose le fa notare proprio Desmond a sostegno della tua teoria…

La vecchia secondo me è una proiezione mentale di Desmond… non esiste… e non è esistita nemmeno nel suo passato… magari è stata creata dal suo subconscio per giustificarsi almeno in parte del fatto di essere scappato da Penny… ovvero credere alle cose che diceva lavecchietta per salvare il mondo…

Quest’ep. cmq è uno dei migliori sino ad ora insieme a quello dedicato a Locke trasmesso ieri sera

22 01 2008
alteraego

La vecchia secondo me potrebbe anche essere esistita nel passato di Des: solo che lì si limitava a fare la gioielliera; qui invece la ritroviamo nelle vesti di incarnazione della coscienza o del mondo possibile (a seconda di quale teoria si sposi). se si tratta del subconscio di Des che prende forma, può darsi che egli lo proietti sulla figura della gioielliera, di cui aveva un vago e lontano ricordo

A breve le nuove analisi

23 01 2008
LostBaby

Grande Alter!!Concordo con le tue teorie…hai un bel da fare questi giorni!!Le puntate si fanno sempre più complicate e dense di contenuti..si arriverà mai ad una fine?..Non vedo l’ora di leggere le prossime analisi!
P.S:riguardo alle droghe..la mia..e credo anche la tua..è proprio LOST!non ne posso fare ameno..e di smettere..non se ne parla..!!

23 01 2008
alteraego

Allora abbiamo lo stesso pusher… 😆

23 01 2008
Greg

E Charlie ? la sua visione di Charlie nel passato potrebbe essere legato al fatto che ha avuto qualche flash sul futuro vedendolo quindi in pericolo… è stato collegata la cosa anche con la frase di Wondewall… poi anche il fatto del tizio con le scarpe rosse… in pratica chiedeva a se stesso se poteva salvarlo una volta per tutte… o magari la risposta della vecchia (proiezione del suo subconnscio) voleva discolparlo da una futura morte di Charlie non sventata in tempo…

PS: è un casino…………..

27 01 2008
mitico Sawyer

non ho capito bene la storia del quadro riflesso.
Praticamente quando il quadro con l’orso e il Budda si vede alla destra di Desmond è in realtà uno specchio su cui viene proiettata l’immagine rovesciata del quadro che invece è alla sinistra di Desmond?
Dove sarebbe il mistero?

Tornando al tema principale della puntata, la teoria di alter è condivisibile ma come avete già detto non spiega perchè Desmond preveda il futuro

29 01 2008
Anonimo

@mitico sawyer:
è il clip video che è stato riflesso. il mistero è: perchè è stato fatto? fatto do proposito o errore umano?

29 01 2008
elisa

scusa alter ma non c’è un sistema di notifica email che ci avverte quando pubblichi gli articoli su lost?nn sto scherzando!! 🙂

29 01 2008
alteraego

Uhm… no, il blog non è così evoluto, c’è però la categoria “Lost” in cima alla homepage che riassume tutti i post data per data e viene costantemente aggiornata.
L’analisi della 3×09 sarà online al massimo sabato (spero anche prima), poi si proseguirà a ritmo più accelerato.

29 01 2008
mitico Sawyer

per Anonimo: continuo a non capire, scusami.
Per clip video intendi le riprese fatte dal regista? Sarebbero state montate all’incontrario?

29 01 2008
elisa

e ma pure voi evolvetevi!!shcherzo ovviamente!
vabbe vabbe…attenderò pazientemente..

3 02 2008
LostBaby

ALTER!!!Sono in astinenza!!!……………………….delle tue analisi!!!:-)

15 10 2012
notpennysb0at

Un altro momento in cui si potrebbe pensare alle doti di “veggenti” dei naufraghi, è quando Shannon vede Walt nella giungla bagnato fradicio che le chiede aiuto. Shannon in questo caso non poteva ancora sapere che Walt era stato catturato in mare dagli altri, perchè Sawyer,Jin e Michael non erano ancora tornati 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: