Lost 6×03 – Quello che fa Kate

1 03 2010


Titolo originale: What Kate does

Data originale di tramissione: 9 Febbraio 2010

Scritto da: Adam Horowitz & Edward Kitsis

Diretto da: Paul Edwards

Centric: Kate

Promo: http://www.youtube.com/watch?v=a2W__h-1m1A  (sub ita)

Riassunto: /

Fatti salienti:

– Sull’isola, Dogen sottopone il redivivo Sayid a una “diagnosi”: una tortura che in realtà è un test che l’iracheno non passa;

– Dogen consegna a Jack una pillola da somministrare a Sayid: malgrado la spacci per medicina, si tratta di veleno;

– Sawyer lascia il Tempio armato, malgrado gli Altri glielo sconsiglino, e fa ritorno alla casa di Dharmaville che condivideva con Juliet;

– Kate e Jin, scortati da due others, partono alla ricerca di Sawyer: Kate riesce a fuggire e raggiunge Sawyer, che le rivela i propri piani di sposare Juliet e la rimanda indietro;

– Jin, anche lui in fuga, viene ripreso dagli Altri ma è salvato provvidenzialmente dall’intervento di Claire, che sbuca armata dalla giungla;

– In una seconda linea temporale, Kate in fuga aiuta Claire quando ha le doglie.

.

Spunti di riflessione:


RECLAMATO Gli Altri non sono riusciti a salvare Sayid: l’iracheno è morto ma ora è tornato in vita. Secondo gli others, però, il suo corpo è stato “reclamato”. Lo zampino del Fumo Nero pare innegabile, anche perchè questo non è il primo caso del genere sull’isola, come testimoniano anche gli stessi Altri.

.


I FRANCESI Il caso più eclatante è quello del francese Montand, uno dei compagni della Rousseau. Il Fumo Nero lo cattura e lo trascina nei sotterranei del Tempio (i Losties trovano il suo scheletro negli anfratti del muro che nasconde il Tempio) strappandogli un braccio: dal ritrovamento del suo corpo sappiamo che egli è probabilmente morto subito, eppure i suoi compagni hanno udito la sua voce che li invitava ad aiutarlo. Sono proprio loro, dunque, ad aver subito gli stessi effetti di Sayid: trovata la morte nei sotterranei del Tempio, i loro corpi riprendono vita ma tornano dalla Rousseau visibilmente cambiati. E’ stato il Fumo Nero a trasformarli, tanto che agli occhi di Danielle loro sono “infetti” (lo stesso termine usato da Dogen) ed è costretta ad ucciderli.

.


IL CORPO Si tratta di vera e propria possessione, dunque: il “male” si insinua nei corpi privi di vita e dall’interno diffonde nell’organismo la propria nocività. Il risultato è che quelle che sembrano persone assolutamente normali e tangibili (Sayid, i Francesi) sono in realtà possedute dal Fumo Nero.

.


DAVVERO MALVAGI? Ma questo cambiamento che i corpi “reclamati” subiscono sono effettivamente cambiamenti in negativo? La malvagità di Sayid ancora non è provata, ma certo è che Danielle è costretta a uccidere il suo fidanzato Robert che voleva spararle senza alcun problema.

.

C’E’ MODO E MODO Il problema sorge dal fatto che, finora, si era sempre pensato ad un Fumo Nero estremamente “etereo”, capace cioè di creare semplici simulacri delle persone morte a partire dai loro cadaveri e dalle “informazioni” (pensieri e ricordi) che da loro carpiva. L’esempio migliore è sicuramente la falsa reincarnazione di John Locke: il Fumo Nero ne assume le sembianze (e le precedenti esperienze) mentre il corpo di John è rinchiuso nella cassa trasportata da Ilana e i suoi.

.

CASISTICA Nel caso di Sayid, invece, il Fumo Nero agisce dall’interno. Il nemico di Jacob, dunque, avrebbe entrambi questi poteri allo scopo di sfruttare per il proprio tornaconto i corpi morti. Vediamo allora se le precedenti manifestazioni (o presunte tali del Fumo Nero) siano riconducibili all’una o all’altra di queste capacità:
Yemi: il fratello di Eko è chiaramente morto in Nigeria, prima che il suo beechcraft precipitasse sull’isola, ma il suo corpo scompare dall’aereo dopo che Eko lo brucia. Eko lo vede ripetutamente poco prima di morire: alla luce del fatto che, in questa occasione, il Fumo Nero compare non appena Yemi fa perdere le proprie tracce (esattamente come quando il finto Locke uccide Bram e i suoi compagni), Yemi può essere considerato un’immagine creata dal Fumo Nero.
Christian Shephard: il cadavere del padre di Jack scompare dalla bara, eppure Locke, Claire e lo stesso Jack lo vedono sull’isola. La natura di Christian Shephard è davvero incerta: in molti casi egli sembra avere la capacità di apparire in luoghi isolati o poco accessibili (la nave di Michael, l’ospedale San Sebastian di Los Angeles dove tra l’altro scatta l’allarme anti fumo, il luogo dove Locke gira la ruota e fa cessare gli sbalzi temporali dell’isola) e di scomparire improvvisamente; d’altro canto, la sparizione del suo corpo e la frequenza con cui compare fanno pensare a una possessione.
Harper: la psicologa personale di Juliet presso gli Altri non è un’apparizione o manifestazione del Fumo Nero ma, come confermato dagli autori, la vera Harper in carne ed ossa (lo testimonia anche la presenza dei sussurri).
Horace Goodspeed: con ogni probabilità quello che appare a Locke in sogno (ep. 4×11) e gli indica la cascina (che fu) di Jacob è un fantasma creato dal Fumo Nero a partire dal corpo dell’ex capo Dharma che giace, insieme ai suoi compagni, sul fondo della fossa comune in seguito alla Purga.
Dave: l’amico immaginario di Hurley sembra proprio essere frutto della mente di Hugo, anche perchè non c’è motivo per cui il suo corpo dovrebbe trovarsi sull’isola.
Emily: la madre di Ben, morta di parto, appare sull’isola al giovane figlio, che comincia in quell’occasione a maturare l’ostilità verso i suoi compagni del progetto Dharma. Anche in questo caso sembrerebbe una sorta di fantasma proiettato dal Fumo Nero (che dunque ha piani ben precisi per il piccolo Benjamin Linus), il problema sorge dal fatto che difficilmente il cadavere di Emily si trova sull’isola.

.

TUA SORELLA Dogen rivela a Jack che ciò che sta accadendo a Sayid è già successo a Claire (che gli Altri, ben informati come al solito, sanno essere la sua sorellastra). Di Claire si erano misteriosamente perse le tracce alla fine del 2004, quando tornando al campo dei naufraghi insieme a Sawyer e Miles abbandonò il figlio Aaron e nella notte seguì suo padre Christian (che sappiamo essere il Fumo Nero) nella cascina (dove poi John la vede il giorno dopo). Dunque Claire è davvero morta nell’esplosione della sua casa a Dharmaville in occasione dell’assalto di Keamy e i suoi, e il Fumo Nero (evidentemente presente nei dintorni) ne ha subito approfittato per farla sua, riportandola in vita come con Sayid e insinuandosi malignamente in lei. A testimoniare l’avvenuta morte di Claire, anche le perplessità espresse a suo tempo da Miles quando Claire riprende i sensi e durante il tragitto verso la spiaggia.

.

ROUSSEAU STYLE Ora Claire, che stando alle parole di Dogen dovrebbe aver dimenticato le sue precedenti esperienze ed essere passata al “lato oscuro”, si aggira nella giungla proprio come faceva la Rousseau, dissemina trappole lungo il percorso e spara agli Altri: qual è il significato del suo comportamento? Cosa ha fatto in questi tre anni? E perchè ha salvato la vita a Jin?

.

CI VEDO DOPPIO Inoltre, se si tratta realmente di un corpo reclamato e posseduto dal Fumo Nero, perchè Locke vede sia Christian sia Claire all’interno della cascina che crede abitata da Jacob? Sono due emanazioni di tipo diverso del Fumo Nero, l’una (Claire) un corpo reclamato l’altra (Christian) un semplice simulacro che riproduce fattezze reali? E per quale bisogno il Fumo Nero ha bisogno di comparire sotto le mentite spoglie di Christian a Claire per convincerla ad abbandonare Aaron e a seguirla nella giungla quando ella già è in suo “possesso”? Forse perchè il processo di possessione è soltanto all’inizio ed ella deve “sbarazzarsi” del figlio?

.

A QUALCUNO SERVE UN CORPO? Prerogativa imprescindibile perchè il Fumo Nero possa servirsi delle persone morte (reincarnandosi in esse o assumendone le sembianze) è la disponibilità dei loro corpi: non è un caso, infatti, che i cadaveri dei vari Christian e Yemi siano scomparsi misteriosamente. Altro requisito fondamentale, inoltre, è il fatto che questi corpi non siano sepolti: ricordate la grande insistenza di Annie, la futura moglie di Horace Goodspeed, nel voler dare immediata sepoltura ai due Ostili uccisi da Sawyer per difenderla? Lo stesso dicasi per la strana richiesta di Alpert, in quella stessa occasione, di poter prendere in consegna il corpo di Robert (il marito di Annie, ucciso dagli Ostili) come “risarcimento”. E, fino a prova contraria, personaggi morti e seppelliti non sono poi ricomparsi sull’isola.

.

FINCHE’ MORTE NON VI SEPARI Ci sono indubbiamente delle analogie tra le esperienze di Ben e Sayid: entrambi feriti gravemente (ironia dalla sorte, Sayid spara a Ben e il padre di quest’ultimo si vendica sull’iracheno), sono portati al Tempio per essere salvati e, parafrasando Alpert, non saranno più gli stessi. Che anche Ben sia morto bambino e il suo corpo sia stato reclamato dal Fumo Nero, che lo ha trasformato in ciò che poi è diventato? In realtà, dobbiamo considerare che, con ogni probabilità, l’acqua della sorgente che ha curato il piccolo Ben non era impura come accade invece in questa occasione e quindi la guarigione potrebbe davvero essere avvenuta. La contaminazione della fonte è dovuta, si crede, alla morte di Jacob.

.

IL TEST DELLA TORTURA Abbiamo dato per scontato il fatto che sia il Fumo Nero (alias il nemico di Jacob) a reclamare i corpi privi di vita, e non Jacob (o chi per lui). Questa tesi è suffragata dalla grande preoccupazione degli Altri (che, ricordiamolo, sono servitori di Jacob) e dal “test” cui essi sottopongono Sayid: dapprima soffiano della cenere sul suo corpo (unico vero antidoto, come già visto, contro il maligno) poi usano l’elettroshock (ricordiamo che il Fumo ha già manifestato una certa ostilità verso gli impulsi sonici).

.

MARCHIO DI FABBRICA Fallita la diagnosi, Sayid viene marchiato con un ferro rovente: si tratta di una sorta di sortilegio oppure di un segno che gli Altri appongono sulla pelle dei “reclamati” per identificarli con chiarezza?

.

A QUALCUNO PIACE ALDO Per la serie “a volte ritornano”, riecco spuntare l’other Aldo, già incontrato sull’isolotto dell’Hydra e dato prematuramente per morto in seguito all’attacco degli Altri al campo dei Losties (finale della Terza Stagione) in cui molti uomini d’azione degli others persero la vita. Aldo era il custode del capannone dove si trovava prigioniero Karl, rinchiuso nella stanza 23: leggeva Hawkings e venne ingannato da Alex, Sawyer e Kate, che lo stord“. Malgrado siano trascorsi 3 anni, i due si ricordano bene di quell’episodio.

.


OTHERS’ PHILOSOPHY IN PILLOLE Perchè gli Altri vogliono che sia Jack a causare la morte di Sayid? E perchè non lo uccidono in maniera più rapida e sbrigativa? Fatto sta che, pur spacciando la pillola contenente veleno per una medicina, le parole di Dogen sono veritiere: “Se non prenderà la medicina, l’infezione si diffonderà”.

.

TEMPO DI COLLOQUI Le alte gerarchie degli Altri (Dogen) chiedono nuovamente di poter parlare in privato con Jack: oltre alla questione Sayid, c’è qualcosa che vogliono sapere o dire al dottore? Non dimentichiamo che su di lui pende l’oscura sentenza pronunciata da Faraday al momento del suo ritorno sull’isola (e poco prima di morire): “Tu non appartieni a quest’isola, Jack”.

.

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI… C’è poi un secondo aspetto, decisamente legato alla lista di Jacob contenuta nella chitarra di Hurley: è evidentemente molto importante che tutti i nomi contenuti in tale lista non muoiano. Alle precedenti preoccupazioni per la sorte di Sayid, infatti, si aggiungono l’allarme provocato dall’ingerimento del veleno da parte di Jack e il discorso tra Justin e Aldo quando quest’ultimo è pronto ad uccidere Jin (“Lo sai, non puoi: è uno di loro”). E’ evidente che i Losties sono estremamente importanti non solo per Jacob ma per le sorti di tutta l’isola (sorti che, ribadisco, essi stessi hanno in grandissima parte contribuito a determinare e indirizzare.

.

INDOVINI E GRAVIDANZE Nella linea temporale alternativa, la fuggiasca Kate si ritrova ad accompagnare Claire dalla famiglia che adotterà il suo bambino. Dunque anche in questa realtà Claire, nel Settembre 2004, è incinta e vuole dare in adozione suo figlio ad una coppia che vive a Los Angeles. Chissà se anche in questa linea temporale alla base del viaggio c’è lo zampino di Richard Malkin, il sensitivo che ha di fatto imbarcato Claire sull’originario volo 815: dopo averle letto la mano e aver insistito perchè fosse lei sola a crescere suo figlio, egli le aveva telefonato nel cuore della notte per comunicarle il suo piano (una coppia individuata a Los Angeles, i biglietti dell’815 per raggiungerla). Claire, che era stata vicinissima a dare in adozione il bambino a una coppia di Sidney (gli Stewart) per poi tirarsi indietro all’ultimo, era giunta alla conclusione che il sensitivo sapesse già tutto, che avesse letto il suo destino nella sua mano e avesse contribuito affinchè esso (lo schianto sull’isola) si avverasse.

.

COMPLIMENTI PER IL TEMPISMO Anche in questo caso, tuttavia, Claire sarà costretta a rinunciare all’adozione: la signora Lindsay Baskum (stesso nome di battesimo della zia di Claire) è stata appena lasciata dal marito e si tira indietro (“Non ce la posso fare da sola”), causando peraltro il travaglio anticipato della ragazza australiana (che comunque deciderà di ritardare, per quanto possibile, il parto).

.

DOTTOR GOODSPEED All’ospedale, il medico che si occupa di Claire è niente meno che Ethan: quello che abbiamo finora conosciuto come chirurgo, spia e idraulico presso la comunità degli Altri, nella realtà alternativa si è costruito una carriera da medico e si fa chiamare col suo vero cognome, Goodspeed. Ethan è infatti figlio di Horace Goodspeed, il capo del progetto Dharma, e di Amy, sua moglie (lo abbiamo visto nascere nel 1977, il giorno in cui i Losties del volo Ajira 316 sono precipitati nel passato) e ha usato un cognome fittizio (Rom, che insieme al nome formava l’anagramma “other man”) per infiltrarsi tra i naufraghi.

.

WE ALL LEAVE IN A YELLOW SUBMARINE Se nella realtà alternativa Ethan vive la sua vita a Los Angeles, significa che il piccolo figlio di Amy ha fatto in tempo a lasciare l’isola (su cui era nato pochi giorni prima) nel 1977, poco prima che la bomba H scoppiasse e (in questa realtà alternativa) cambiasse il corso degli eventi, forse facendo anche sprofondare l’isola. Dunque dobbiamo ipotizzare che Amy e il piccolo Ethan fossero a bordo del sottomarino che evacuava l’isola e che siano sfuggiti all’esplosione per tornare nel mondo esterno.

.

DOVE COMINCIA LA LINEA A questo punto dobbiamo assumere che questo fatto (la presenza di Amy e Ethan sul sottomarino che evacua l’isola nel 1977) sia sempre avvenuto, sia cioè in comune all’una e all’altra delle due realtà cui assistiamo: questo perchè è lo scoppio della bomba H a separare le due linee temporali, e tutto ciò che accade prima (partenza del sottomarino inclusa) appartiene all’unica linea temporale esistente sino a quel momento. Quindi anche nella realtà in cui lo scoppio della bomba H non cambia nulla (anzi, provoca l’incidente e rispedisce i Losties nel 2007: gli eventi cui stiamo assistendo sull’isola), Ethan e sua madre tornano nel mondo esterno sul sottomarino: eppure, in questa realtà, troveremo di nuovo Ethan sull’isola quando, ancora ragazzino, affianca Ben nel rapimento di Alex. Significa dunque che Ethan e sua madre devono successivamente aver fatto ritorno sull’isola, probabilmente quando il pericolo è cessato si sono ricongiunti a Horace evidentemente sopravvissuto all’esplosione.

.

DOVE TI HO GIA’ VISTO? Anche Kate, come Jack, potrebbe avere delle reminiscenze delle esperienze vissute nella linea temporale che l’esplosione della bomba dovrebbe avere azzerato: il suo sguardo nei confronti di Jack, durante la fuga in taxi, è quello di chi ritiene di aver già visto qualcuno da qualche altra parte, mentre quando Claire pronuncia il nome di Aaron per suo figlio qualcosa sembra balenare nella mente della ragazza.

.

LA RIVINCITA DEL DESTINO Dunque anche in questa realtà alternativa sono Kate ed Ethan ad essere coinvolti nella nascita di Aaron, così come in precedenza abbiamo visto Desmond reincontrare Jack (dopo l’esperienza allo stadio nel 2001) o lo stesso Jack perdere il corpo del padre (non per colpa dell’incidente aereo ma per lo smarrimento della bara da parte della Oceanic). Scherzi del destino? Forse, ma è decisamente più intrigante la teoria che sia il course correct ad agire: sopraffatto da un “macigno gettato nello stagno” (Faraday dixit) capace di mutare in modo massiccio il corso degli eventi, il destino – che “trova sempre il modo di correggere la rotta” – sta cercando di correre ai ripari ripristinando la situazione che i Losties hanno cercato di cancellare, per quanto possibile. Così, Kate è ancora in fuga accusata di omicidio, Ethan è interessato al figlio di Claire, Claire tiene il bambino e lo chiama Aaron e quest’ultimo addirittura avrà il peluche a forma di orca a fargli compagnia. Sarà davvero così? E in tutto ciò, che ruolo avrà l’isola (al momento sommersa)?

.

QUANDO Sull’isola è sempre il 2007: sono trascorsi due giorni dall’incidente del volo Ajira 316, è ancora il giorno in cui i Losties si recano al Tempio. Kate insegue James, Jack parla con Dogen.
Il volo Oceanic 815 è datato 22 Settembre 2004.

.

.

Curiosità:

.

TITOLO “What Kate does” è un chiaro riferimento al titolo dell’episodio 2×09, “What Kate did”, che poi era una delle domande più affascinanti per i fan a proposito del passato della ragazza.

.

UNA TATA E’ PER SEMPRE L’infermiera che accoglie Claire al suo arrivo all’ospedale, proprio quando scende dal taxi, è Veronica, la tata che cura Aaron durante il processo a Kate (ep. 4×04): anche in questo caso, potrebbe trattarsi di course correct in azione, dal momento che è la stessa persona a prendersi cura di Aaron nelle due linee temporali.

.

NUMERI MALEDETTI Sulla targa del taxi sono ben visibili i numeri 4: ripetuti due volte, danno 8; sommati ai tre restanti 5, danno 23.

.

D.O.E. (DATA DELL’ECOGRAFIA) Piccolo mistero intorno alla data riportata sull’ecografia che Ethan fa a Claire in ospedale: è il 22 Ottobre 2004, ma si tratta di un errore confermato dagli autori. Il volo Oceanic 815, dunque, è regolarmente atterrato a Los Angeles il 22 Settembre 2004.

.

RED SOX E AFFINI Quando Jack fa irruzione nel suo “ufficio”, Dogen sta meditando giocherellando con una palla da baseball: questo è un riferimento a Star Trek, e in modo particolare alla figura di Benjamin Sisko, che si serviva di una palla da baseball per spiegare la natura lineare del tempo e il fatto che i personaggi ne potessero contemplare l’intero svolgimento in un solo istante.

.

E QUATTRO! Questa è la quarta volta che vediamo Sayid, nel corso di Lost, essere sottoposto a tortura. Sull’isola, è stato nelle mani di Danielle, Oldham e ora di Dogen; fuori dall’isola, fu torturato a Parigi dal marito di una donna che egli aveva torturato in Iraq.

..

.

.
Frasi da ricordare:

Jack a colloquio da Dogen

Dogen: Dimmi Shephard, il tuo amico… perchè gli hanno sparato?
Jack: Lui mi stava… mi stava aiutando.
Dogen: Quindi è stata colpa tua.
Jack: Sì.
Dogen: E anche altre persone sono rimaste ferite o uccise, per aiutarti?
Jack: Sì.
Dogen: Bene. Allora questa è la tua occasione per redimerti. E’ una medicina, e il tuo amico ne ha bisogno.
Jack: E che cosa succede se non gliela do?
Dogen: L’infezione si diffonderà.

Sayid e Jack

Sayid: Ti hanno detto perchè mi hanno marchiato con un ferro rovente?
Jack: Ti stavano facendo una diagnosi.
Sayid: Giusto… Mi hanno detto che era una specie di test, che a quanto pare ho superato. Non è vero, eh? Che cos’è
Jack: Vogliono che tu la prenda: è una medicina, secondo loro.
Sayid: Secondo te invece cos’è?
Jack: Non lo so. Prima tu mi hai ringraziato di averti salvato la vita, ma non sono stato io a salvarti, Sayid. Sono stati loro a guarirti.
Sayid: Non importa chi mi ha guarito: io mi fido di te, è questo che conta. Quindi se tu vuoi che io prenda quella pillola, la prenderò..

Kate e Sawyer al molo

Kate: Un paio di giorni fa, tu mi hai chiesto perchè sono tornata sull’isola. Devo trovare Claire: ho pensato che se fossi riuscita a raggiungerti, tu mi avresti aiutata, e che… forse se fossimo riusciti a trovarla e a riportarla da Aaron tutto questo non sarebbe stato inutile. Mi dispiace, non avrei dovuto seguirti.
Sawyer: Quale volta?
Kate: Quella era la vostra casa, vero, tua e di Juliet?
Sawyer: Già.
Kate: Mi dispiace…
Sawyer: Lo hai già detto.
Kate: No. Per Juliet. Se non ti avessi seguito sul sottomarino voi due ve ne sareste andati e lei sarebbe ancora viva.
Sawyer: Non è colpa tua se è morta. E’ colpa mia. Era seduta proprio lì, dove sei tu adesso… Lei voleva andarsene da qui, e io l’ho convinta a restare. L’ho fatta rimanere su quest’isola, perchè non volevo rimanere da solo… Tu sai cosa voglio dire… Ma credo… credo che alcuni di noi siano fatti per stare da soli. Volevo chiederle di sposarmi… Dovresti riuscire a tornare al Tempio prima che faccia notte.

La verità

Jack: Che cos’è?
Dogen: Una palla da baseball.
Jack: Non sembra che ti serva un interprete a sentirti parlare.
Dogen: Sappiamo tutti e due che non mi serve un interprete.
Jack: Allora perchè ne hai uno?
Dogen: Perchè devo mantenere le distanze dalle persone che prendono ordini da me. Mi facilita le cose quando le decisioni che li riguardano non sono gradevoli.
Jack: Chi sei tu?
Dogen: Mi chiamo Dogen.
Jack: Sei nato qui, sull’isola?
Dogen: No, sono stato portato qui come tutti gli altri.
Jack: Che vuol dire “portato qui”?
Dogen: Sai esattamente cosa vuol dire. Non hai dato la pillola al tuo amico, vero?
Jack: No.
Dogen: Perchè no?
Jack: Perchè non so che cosa contenga.
Dogen: Serve a eliminare…
Jack: …l’infezione, sì. Questo lo so. Ma che c’è dentro?
Dogen: Non posso spiegarlo.
Jack: Prova.
Dogen: Non c’è abbastanza tempo. Lui morirà se tu non…
Jack: Lui è già morto! Che cosa c’è dentro?
Dogen: Devi solo fidarti di me.
Jack: Non mi fido neanche di me stesso, come posso fidarmi di te? Vediamo che succede, a fidarsi!
Ora, ti decidi a dirmi che c’è dentro?
Dogen: Veleno.

E’ già successo a tua sorella

Jack: Per quale motivo volete uccidere Sayid?
Dogen: Perchè crediamo che sia stato [termine giapponese].
Traduttore: La traduzione più indicata è “reclamato”.
Jack:Reclamato? Da che cosa?
Dogen: In lui sta crescendo qualcosa di oscuro, e quando avrà raggiunto il suo cuore tutto ciò che il tuo amico è stato finora smetterà di esistere.
Jack: Io non… come fai a esserne sicuro?
Dogen: Perchè è già successo a tua sorella.

.

.

.

Video:

Il ritorno di Claire (vers. originale)

.

Sul molo (vers. originale)

.

Leaders (vers. originale)

.

Tortura a suon di musica

.

Reclamato (vers. originale)

.

Lascia un commento! (evitando gli spoiler)

.

Annunci

Azioni

Information

3 responses

3 03 2010
Desmond Vedder

Pofferbacco, non avevo assolutamente capito che Ethan fosse il figlio di Horace! Quindi avrebbe abbandonato il progetto Dharma e partecipato alla purga che ha ucciso suo padre? Mah… gli autori di Lost avrebbero bisogno di qualche annetto di psicoterapia per risolvere i loro complessi edipici o_O

27 10 2012
forexsocialnetwork.net

An outstanding share! I have just forwarded this onto a co-worker who had
been conducting a little homework on this. And he in
fact bought me breakfast because I stumbled upon it for him.
.. lol. So allow me to reword this…. Thanks for
the meal!! But yeah, thanx for spending time to talk about this issue here on your site.

23 09 2014
loui vuitton scarves

I really lov your website.. Pleasant colors & theme.

Didd you make this web site yourself? Pleasse
reply back as I’m looking to create my own website and want too know
where yyou got thiss from or just what thee theme is named.
Appreciate it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: