Lost: Missing Pieces #2 – Hurley e Frogurt

29 02 2008

Ecco il secondo Mobisode, diffuso a partire dal 13 Novembre 2007. Per sapere cosa sono i Mobisodes e per vedere il primo episodio, clicca qui 

.

 

CHI E’ FROGURT? Frogurt è uno dei naufraghi che solitamente rimangono sullo sfondo: non si dimentichi che i superstiti del volo Oceanic 815 (tra cabina, fusoliera e coda) erano 72, cui bisogna sottrarre i 18 morti sull’isola (in conseguenza dell’incidente aereo o in seguito) e anche i 13 codisti rapiti dagli Altri. Dei sopravvissuti, vediamo le vicende soltanto di un piccolo numero, mentre gli altri li possiamo scorgere solo sullo sfondo, impegnati in attività quotidiane nel campo dei naufraghi. L’operazione di portare in primo piano due personaggi fino a quel momento marginali era già stata tentata con Paulo e Nikki, ma sappiamo tutti come è andata a finire.

.

 

NEIL Il protagonista di questo mobisode è Neil, detto Frogurt. Questo soprannome è l’abbreviazione di “frozen yogurt” (letteralmente, yogurt gelato, in pratica frappè) e gli deriva dall’abitudinale pratica di fare questi “frogurt”: possiamo presumere che si tratti della sua professione prima dell’incidente aereo, visto che malgrado le provviste Dharma sarebbe difficile fare frappè sull’isola.

.

 

S.O.S. Neil era già apparso indirettamente in un episodio di Lost: nella puntata 2×19, Bernard lo menziona (senza che lo si veda mai) mentre cerca aiuto per realizzare il proprio sos sulla spiaggia. Nella versione italiana, il soprannome di Neil è stato reso con la perifrasi “quel tizio che fa gelato allo yogurt”. L’attore che interpreta questo personaggio (Sean Whalen), tuttavia, non è mai apparso in Lost (nemmeno nelle scene di gruppo) ed è stato ingaggiato appositamente per dare un volto a Frogurt.

.

 

SPASIMANTI Neil e Hurley si confrontano verbalmente e si scoprono entrambi pretendenti della bella (?) Libby. Precipitata sull’isola nella sezione di coda ma sopravvissuta agli attacchi degli Altri, Libby è arrivata al campo dei naufraghi insieme a Eko, Ana Lucia e Bernard (oltre ai 3 della zattera e a Cindy, che però è stata rapita prima); qui, ha fatto amicizia con Hurley e fra i due sembra essere nato qualcosa.

.

 

MISTERI Ma Libby nasconde un passato ancora misterioso: vedova di un uomo di nome David, si dichiara psicologa; ma sappiamo che era ricoverata al Santa Rosa, l’istituto psichiatrico dov’era in cura anche Hurley. A differenza di lui, tuttavia, lei si ricorda di Hugo, ma non vuole farglielo sapere. C’è anche chi ha ipotizzato che Libby fosse in combutta con chi tira i fili del presunto complotto: la sua presenza al Santa Rosa sarebbe una copertura per pedinare e studiare Hurley; inoltre, fu proprio Libby a donare spontaneamente la propria barca a Desmond: con quella nave lo Scozzese salpò per la regata intorno al mondo organizzata da Charles Widmore (padre di Penelope) e finì per naufragare sull’isola.

.

 

L’ULTIMO PICNIC Hurley e Frogurt non potranno però contendersi Libby per molto: la ragazza morirà proprio il giorno stesso. Hurley infatti l’ha invitata ad un picnic sulla spiaggia, ma oltre a non riuscire a trovare la spiaggetta romantica suggeritagli da Sayid scorderà le coperte e il vino. Così i due si divideranno i compiti: Libby invita Hurley a farsi dare del vino da Bernard, mentre lei si occuperà del recupero delle coperte. Andrà dunque al bunker, dove nel frattempo Michael sta portando a termine il suo piano improvvisato (personalmente ho sempre qualche dubbio a tal proposito, specie sull’uccisione di Ana Lucia, che potrebbe essere stata commissionata dagli others): Libby lo sorprende proprio nel momento in cui ha sparato ad Ana Lucia, e Michael inavvertitamente esplode due colpi verso di lei. Colpi che si riveleranno letali.

. 

 

ORA DEL DECESSO Nel frattempo Hugo rimane ignaro dell’accaduto, finchè non è Kate ad avvertirlo (quanto successo nel bunker è stato scoperto da Jack e Locke dopo i presentimenti di quest’ultimo). Hurley rimarrà al capezzale della sua amata fino alla morte. Le ultime parole di Libby tentano invano di comunicare il nome del suo carnefice. Sull’isola è il 24 Novembre 2004 (con la fine della Terza Stagione siamo arrivati al 23 Dicembre).

. 

 

PER I PIU’ ROMANTICI Ecco un video sulla storia d’amore tra Libby ed Hurley.

Annunci




Lost 3×11 – Digitare 77

27 02 2008

 

Titolo originale: Enter 77

Data originale di tramissione: 7 Marzo 2007

Scritto da: Carlton Cuse e Damon Lindelof

Diretto da: Sthephen Williams

Centric: Sayid

Promo: http://www.youtube.com/watch?v=jE_dKPHFcpI (sub ita)

Riassunto: Lost-central

Fatti salienti:

– Locke, Kate, Sayid e la Rousseau si avventurano nella giungla, seguendo la direzione letta da John sul bastone di Eko. A un certo punto scoprono una fattoria;

– Sayid va in esplorazione e viene ferito al braccio da un colpo esploso dal “padrone di casa”, l’uomo con la benda;

– Chiarito l’equivoco, Mikhail Bakunin accoglie i quattro in casa, cura Sayid e dice di essere l’ultimo sopravvissuto del progetto Dharma dopo la Purga ad opera dei “nemici”;

– Sayid e Kate smascherano e catturano Bakunin, che in realtà è uno degli Altri e scoprono lo scantinato ricco di fascicoli del progetto Dharma;

– Nel frattempo, alla spiaggia, Sawyer perde a ping pong con Hurley ed è così costretto a rinunciare ai suoi soprannomi per una settimana;

– Locke accede al computer che controlla la stazione Fiamma e scopre che le comunicazioni sono fuori uso;

– Kate e Sayid scoprono e catturano anche Bea Klugh (che si nascondeva in cantina); nel frattempo, però, Bakunin si è liberato e ha fatto prigioniero Locke. Mikhail propone uno scambio di ostaggi, ma Bea gli ordina di ucciderla; così fa, dopodichè è fatto prigioniero dai naufraghi.

– Mentre si stanno allontanando (Sayid ha recuperato una mappa del cablaggio elettrico delle stazioni Dharma), la Fiamma esplode: John rivela che è stato lui, seguendo le istruzioni del computer senza conoscerne le conseguenze.

Leggi il seguito di questo post »





The Lost Experience #45

23 02 2008

45.jpg 

Riassunto di The Lost Experience: dall’inizio fin qui 

.

PRIMA FASE Il sito della Hanso Foundation (la Corporation che ha dato vita al progetto Dharma) è ripetutamente attaccato da un hacker che si fa chiamare Persephone. Grazie a lei scopriamo:
– che la Hanso Foundation ha scopi segreti coperti dai suoi progetti filantropici;
– che Alvar Hanso (il fondatore) è solo una figura di facciata ed è scomparso dalla circolazione;
– che a reggere le redini sono Hugh McIntyre (direttore delle comunicazioni), Peter Thompson (responsabile legale) e soprattutto Thomas Mittelwerk (vice-direttore esecutivo);
– che ciascuno di questi tre personaggi ha i propri scheletri nell’armadio: non sono esattamente degli stinchi di santo (McIntyre ha pure l’amante), anzi nel caso di Mittelwerk veri e propri impostori;
– che i vari progetti nel terzo mondo servono da copertura per traffico di organi, sperimentazioni sui pazienti, un misterioso progetto off-shore in Korea
– che Joop è un orango di 105 anni sottoposto alla cura sperimentale per l’estensione della vita.

In seguito ai ripetuti attacchi della hacker, il sito viene oscurato.

. 

SECONDA FASE Entra in scena Rachel Blake, una ragazza americana in viaggio per l’Europa: non si tratta però di una gita di piacere; Rachel (che poi si scoprirà essere Persephone) è infatti sulle tracce di Alvar Hanso.

Dapprima in Danimarca (Copenhagen è sede del quartier generale della Hanso Foundation) scopre:
– che Mittelwerk è interessato a rotte marittime dell’800;
– che la famiglia Hanso possedeva una flotta di navi da commercio;
– che fra queste navi c’era anche la Roccia Nera (quella finita sull’isola di Lost);
– che Mittelwerk ha commissionato una super-nave segreta a Mr. Paik (il padre di Sun).

. 

Quindi Rachel si sposta in Islanda, a Vik, dove Mittelwerk si è precipitato con urgenza. Qui scopre:
– che all’interno del Vik Institute, ospedale psichiatrico finanziato dalla Hanso Foundation, sono tenuti segregati eccellenti matematici e autistic savants, con il compito di eseguire costantemente una misteriosa equazione.
– che il Vik Insitute è andato a fuoco (un matematico è morto) e quindi Mittelwerk è allarmato, oltre che dalla possibile fuga di notizie, dal fatto che l’esecuzione dell’equazione sia stata interrotta;
– grazie ad un colloquio con il direttore del Vik Institute, che l’equazione è l’equazione di Valenzetti, che ha a che fare con strani geroglifici e che è legata alla previsione matematica;
– che Armand Zander, direttore del Vik Institute, ha probabilmente fatto una brutta fine.

. 

A questo punto, Rachel segue (grazie alle dritte di GidgetGirl, misteriosa informatrice) Mittelwerk fino in Italia, a Sanremo. Qui scopre:
– che, a differenza di quanto pensasse la stessa Rachel, i dirigenti della Hanso Foundation e i membri del Global Welfare Consortium non sono in Italia per incontrare Enzo Valenzetti (peraltro misteriosamente scomparso), bensì per altri motivi;
– che Mittelwerk ha fatto una visita all’ospedale di Sanremo (uno di quelli finanziati dalla HF) e si è sottoposto a una serie di trattamenti, come se si stesse preparando ad un viaggio in una regione epidemica;
– che a Sanremo è attraccata una grossa nave carica di container, di nome Helgus Antonius: probabilmente è la nave ordinata a Mr. Paik da parte di Mittelwerk;
– che Mittelwerk è salpato; alla volta di dove, non si sa: ma tutto lascia presagire che c’entri qualcosa il misterioso Spider Protocol, che qualcuno da dentro la Hanso Foundation (GidgetGirl?) ha fatto venire alla luce.

. 

A questo punto, Rachel riceve un invito da GidgetGirl

. 

. 

OGGI Dunque Rachel ha accettato la proposta di GidgetGirl e si è recata a Parigi. Ma…

Paris Post 01

.  

Lascia un commento!





Lost: Missing Pieces #1 – The Watch

21 02 2008

 

COSA SONO I MOBISODES? I mobisodes sono dei mini-episodi pensati e realizzati appositamente per i cellulari (da qui il nome): esclusiva per gli abbonati della rete wireless di Verizon (compagnia telefonica americana), sono poi stati messi online dal sito Abc.com.
Come suggerisce il nome “Missing Pieces” (Pezzi Mancanti), i mobisodes di Lost contengono vicende e dettagli “che non avrebbero avuto spazio nello show” (Carlton Cuse, autore di Lost): sono perlopiù storie e informazioni secondarie, ma che si intersecano e danno maggiore consistenza alla trama principale. I mini-episodi vedono la partecipazione, alternativamente, di quasi tutto il cast: le trattative contrattuali, dice Lindelof, sono durate quasi tre anni (non si tratta infatti di spezzoni tagliati o non inseriti nelle puntate, ma di scene appositamente girate).
I 13 mobisodes sono stati diffusi a partire da Novembre 2007 fino a Gennaio 2008, con lo scopo di colmare il vuoto e far crescere l’attesa per l’inizio della Quarta Stagione di Lost (non contengono spoiler). Non si tratta  comunque di una formula legata a Lost: in passato i mobisodes sono stati utilizzati anche per due serie del calibro di “24” e “Prison Break”.

. 

THE WATCH Questo episodio mostra un dialogo tra Jack e suo padre Christian, in un flashback. I due si confidano prima delle nozze di Jack: sposerà Sarah, la donna cui ha miracolosamente salvato la spina dorsale dopo un incidente automobilistico (l’auto con cui si scontrò era guidata dal padre di Shannon, che morì in quell’occasione: siamo nel 2001).
Il matrimonio tra Jack e Sarah, tuttavia, sarà destinato a naufragare nel giro di un anno: Jack antepone costantemente il proprio lavoro alla famiglia, mentre Sarah gli confesserà di avere un amante.

. 

 

QUANDO La scena è ambientata alla vigilia del matrimonio di Jack con Sarah: è il 2003 (i due romperanno nella prima metà del 2004). Jack denuncerà suo padre perchè ubriaco al lavoro facendogli perdere il posto nel Luglio 2004; Christian Shephard muore (?) a Sidney nel Settembre 2004. (Nel video, le nozze tra Jack e Sarah, dall’episodio 1×20, “Do No Harm”)
Non si può trattare di un flashforward, dal momento che il matrimonio è quello con Sarah.

.

 

DADDY ISSUES Questa scena approfondisce ulteriormente i rapporti padre-figlio tra Christian e Jack: in questa occasione vediamo un Christian sicuramente meglio disposto nei confronti del figlio, anzi addirittura ammette le proprie pecche sul modo in cui ha cresciuto il figlio. I rapporti con Jack non sono ancora così tesi, dal momento che i due lavorano ancora insieme e Christian non è ancora vittima dell’alcool come lo sarà in seguito.

.

 

TITOLO Il mobisode si intitola “The Watch”, ossia “L’Orologio”: un ulteriore riferimento al tempo. Si è ipotizzato, tra le varie ipotesi, che il tempo sull’isola scorra in modo diverso (nello specifico, più lentamente) rispetto al mondo “esterno”: l’eterna giovinezza che Richard Alpert sembra vivere cerca spiegazioni. Inoltre, non si dimentichi il presunto viaggio nel tempo (vero o immaginario?) di Desmond in seguito al Failsafe.

.

 

L’OROLOGIO L’orologio sarà poi indossato regolarmente da Jack: lo vediamo nell’episodio pilota (1×01) darlo ad Hurley per calcolare le presunte contrazioni di Claire, subito dopo il disastro aereo; e nella visione di Locke ambientata in aeroporto (episodio 3×03), Jack si sfila l’orologio per passare il metal-detector.

.

 

MADE IN KOREA L’orologio di Jack sembrerebbe simile a quello di Jin (quello per cui farà a botte con Michael, che l’aveva trovato fra i rottami e messo al polso): chi crede alla teoria del complotto potrebbe immaginare un legame tra Christian Shephard e Mr. Paik, il padre di Sun che aveva regalato l’orologio a Jin.

.

 

PLAYBOY Christian “benedice” il matrimonio tra il figlio e Sarah, verso cui spende parole positive: si ricordi che Jack, dopo il divorzio, accuserà il padre di avere una storia con l’ex moglie.

.

 

CHI NON MUORE SI RIVEDE Christian Shephard è vivo o morto? Abbiamo visto il suo cadavere all’obitorio di Sidney (“arresto cardiaco”, dice il medico), ma la bara che volava con Jack sull’Oceanic 815 è stata trovata vuota sull’isola, alle grotte; inoltre, Jack ha visto ripetutamente il padre sull’isola: allucinazioni? fumo nero? oppure, davvero Christian è vivo e vegeto? Infine, nel finale della Quarta Stagione, vediamo il flashforward di Jack: il dottore presenta una ricetta firmata da suo padre (ma potrebbe aver falsificato la firma) e ne parla come se fosse vivo (“Facciamo così: chiami mio padre, e se è più ubriaco di me…”), anche se la solidità mentale di Jack, in quel frangente, pare non proprio certa.

. 

Lascia un commento!





Lost 3×10 – Tricia Tanaka è Morta

18 02 2008

 

Titolo originale: Tricia Tanaka is dead

Data originale di tramissione: 28 Febbraio 2007

Scritto da: Edward Kitsis e Adam Horowitz

Diretto da: Eric Launeville

Centric: Hurley

Promo: http://it.youtube.com/watch?v=oBDdK0cbVCY 

Riassunto: Lost-central

Fatti salienti:

– Kate e Sawyer tornano al campo, accolti festosamente dai loro compagni;

– Vincent conduce Hurley nella giungla, dove trova un pullmino della Dharma seminascosto, con uno scheletro all’interno;

– Hurley annuncia agli altri naufraghi la propria scoperta e la volontà di provare a rimettere in moto il pullmino: nessuno gli dà aiuto all’infuori di Jin;

– Sawyer pretende indietro le sue cose da Charlie e Desmond, quindi va alla ricerca di Hurley per lo stesso motivo;

– Hurley convince anche Sawyer ad aiutarlo nel suo intento (in cambio della birra contenuta nel pullmino): i tre lo rimettono in piedi, ma non riescono ad avviarlo;

– Hurley, dopo aver convinto anche Charlie a sfidare la sorte, decide di lanciarsi giù da un pendio per riuscire ad avviare il pullmino: il tentativo ha buon esito e i quattro possono festeggiare;

– Kate lascia il campo per andare a recuperare Jack: cerca e trova la Rousseau, cui chiede di farle da guida; nel frattempo è raggiunta da Sayid e Locke, che si aggiungono alla spedizione.

Leggi il seguito di questo post »





Lost e il futuro

13 02 2008

 

Lunedì scorso si è conclusa definitivamente la trasmissione della Terza Stagione di Lost su Raidue, che ne detiene i diritti per la trasmissione in chiaro..
Cosa ci riserva ora il futuro? Vediamo (o, al limite, chiedete a Desmond):

E questo è il primo promo trasmesso dopo la fine della Terza Stagione in Usa, dedicato in modo particolare a chi segue la programmazione di Raidue.

. 

QUARTA STAGIONE La Quarta Stagione di Lost è attualmente in onda in Usa: partita due settimane fa, quello di giovedì sarà il terzo episodio. I risultati in termini di ascolti sono lusinghieri e incoraggianti, decisamente superiori alle aspettative:

Lost 4×01 (31 Gennaio 2008)16.140.000 spettatori

Lost 4×02 (7 Febbraio 2008)15.060.000 spettatori

. 

Si tratta di dati che, pur senza toccare il record storico della 2×01 (23 milioni di spettatori), si assestano su medie ben superiori rispetto all’andamento della Terza Stagione (quando si partì con un seguito di 18 milioni e si arrivò a toccare costantemente i 12).
L’incremento può essere spiegato, oltre che con il tradizionale richiamo delle prémiéres, con la grande operazione di marketing e di “traino” realizzata dalla Abc (vedi il gioco interattivo Find 815, se volete lo trovate tutto su questo blog) e soprattutto con una diversa collocazione del telefilm nel palinsesto. Rispetto allo scorso anno, infatti, Lost ha abbandonato una fascia oraria (le 22) e un giorno (il Martedì) che le opponevano una forte concorrenza (“American Idol”, sorta di mostro sacro in Usa), per tornare in prima serata e di Giovedì.

. 

LO SCIOPERO E’ FINITO Con un comunicato ufficiale, la WGA (Writers Guilds Association) ha annunciato negli scorsi giorni la fine dello sciopero degli sceneggiatori cinematografici e televisivi. Lo sciopero, in vigore da mesi, ha paralizzato la produzione degli Studi e causato la sospensione temporanea o la cancellazione definitiva di intere stagioni di serie televisive (ad esempio, Bionic Woman).

Anche Lost è stata a lungo in balia dello sciopero: prima che scoppiasse la protesta erano infatti stati girati e ultimati (pronti da trasmettere) soltanto 8 dei 16 episodi previsti. A lungo, nelle loro dichiarazioni, gli autori del telefilm avevano dichiarato che se la situazione non si fosse sbloccata la Quarta Stagione sarebbe durata la metà, concludendosi con l’episodio 4×08 (a loro detta in grado di reggere il peso di un “season finale”).

Con la conclusione tardiva dello sciopero, il nuovo scenario pare essere questo: oltre agli 8 episodi già disponibili e in fase di messa in onda in Usa (siamo al 4×02), saranno girati altri 5 dei rimanenti 8 previsti (le sceneggiature erano già disponibili). In questi 5 episodi sarà condensata la trama inizialmente pensata per le 8 puntate finali, mentre le 3 “abortite” verranno forse recuperate nelle successive stagioni.
I nuovi 5 episodi devono però essere ancora girati e poi prodotti: i tempi richiedono un’attesa prolungata ai fan, che con ogni probabilità dovranno aspettare un mesetto fra gli episodi 4×08 e 4×09. La Quarta Stagione si concluderà quindi con la puntata 4×13.

Chi volesse avere informazioni sullo “stato” della propria serie televisiva dopo l’uragano dello sciopero può farlo qui (in continuo aggiornamento)

. 

NEL FRATTEMPO, IN ITALIA… In Italia, Fox Italia ha comunicato ufficialmente che Lost tornerà sugli schermi italiani ad Aprile, con la Quarta Stagione. Come si comporterà Sky con la questione sciopero? Se prima della fine del contenzioso era praticamente certo il ricorso al sistema americano (un episodio alla settimana invece dei consueti due, magari alle 22), ora per evitare che la serie (non più di 8 ma di 13 episodi) sconfini, magari anche per eventuali dilatazioni del tempo di produzione delle 5 puntate mancanti (l’Italia ha un “ritardo di programmazione” nei confronti degli Usa di 2 mesi, con Lost), nella stagione estiva, si potrebbe decidere di accorpare gli episodi (tutti o solo alcuni) a due a due.

. 

MAMMA RAI E la Rai? Malgrado le voci disfattistiche e un sistema di rilevamento dati che, a mio modesto parere, non ha alcun significato statistico e deforma notevolmente la realtà (ma le sponsorizzazioni vertono su questo, quindi rassegniamoci), gli ascolti di Lost sulla tv in chiaro non sono in una crisi così profonda: certo, rispetto ai 4 milioni di media della Prima Stagione si sono più che dimezzati, ma i dati auditel delle ultime puntate hanno visto Raidue guadagnare qualche telespettatore (soprattutto in termini relativi e di share):

Lost 3×23 (Lunedì 11 Febbraio)2.209.000 spettatori (9,20%)

. 

In definitiva, Lost resta ancora un prodotto appetibile per gli standard di Raidue, che in occasione di questa Terza Stagione sembrava aver compreso come valorizzare (in parte) il prodotto (si vedano le “mini-pubblicità” registrate al Roma Fiction Festival quest’estate, con protagonisti Desmond, Locke e Hurley; si veda la maggior cura con cui sono stati realizzati i promo), ma nel corso della programmazione, spinta probabilmente da decisioni dall’alto e da ascolti non reputati soddisfacenti, ha accorpato tre episodi a settimana, svalutando enormemente il prodotto e mostrando scarsa sensibilità anche per il pubblico. A coronamento di tutto ciò, anche il promo ultra-spoileroso per l’episodio 3×23 (si vede Locke che accoltella Naomi, la morte di Charlie e Jack che chiama i soccorsi).

. 

IL BLOG alteRaego continuerà con le analisi delle puntate della Terza Stagione: sono in arrivo la 3×10 e 3×11, e nel frattempo comincerò a proporre i mobisode incentrati su Lost (per chi non sapesse cosa sono, lascio la suspence).

Non si segnalano intanto novità dal ARG Find 815: la Quarta Stagione non ha portato che a sviluppi minimi, mentre il sito del Maxwell Group ha cambiato grafica ma continua a risultare inaccessibile.

. 

BATTESIMO Vi invito nel frattempo a fare un giro sul nuovo blog di Midnighter, storico collaboratore (e amico) di questo spazio.





Lost 3×09 – Straniero in Terra Straniera

5 02 2008

 

Titolo originale: Stranger in a stranger land

Data originale di tramissione: 21 Febbraio 2007

Scritto da: Elizabeth Sarnoff e Christina M. Kim

Diretto da: Paris Barclay

Centric: Jack

Promo: http://www.youtube.com/watch?v=C4WjhCXzBz4 (sub ita)

Riassunto: Lost-central

Fatti salienti:

– Kate, Sawyer e Carl sbarcano sull’isola principale dopo avere lasciato l’Hydra in barca, e si accampano per la notte;

– All’interno dell’Hydra, Jack viene spostato nelle gabbie all’esterno mentre Juliet è imprigionata nella sala dove in precedenza si trovava Jack, accusata di aver ucciso Pickett e tentato di eliminare Ben;

– Jack incontra lo sceriffo degli Altri, Isabelle, che lo interroga a proposito delle accuse mosse a Juliet: Jack la difende dicendo di essersi inventato tutto;

– Sawyer lascia andare Carl, che parte alla ricerca di Alex: la decisione non è condivisa da Kate, che vuole tornare indietro a cercare Jack;

– Jack incontra i superstiti della sezione di coda rapiti dagli Altri e parla con Cindy, che non fornisce spiegazioni chiare;

– Jack, con l’aiuto di Alex, interviene per salvare la vita a Juliet: costringe Ben, in cambio dell’assistenza medica di cui necessita, a commutare il verdetto del tribunale in una “semplice” marchiatura;

– Gli Altri abbandonano in nave l’isolotto dell’Hydra per tornare “a casa”: sia Juliet sia Jack vengono portati con loro.

Leggi il seguito di questo post »